LATINA 5 STELLE MAGAZINE – numero 2

LATINA 5 STELLE MAGAZINE – NUMERO 2

IL NUMERO 2 DI “LATINA 5 STELLE MAGAZINE” È QUI PER TUTTI I CITTADINI.
I PROBLEMI DELLA NOSTRA BELLISSIMA COSTA MINACCIATA DA EROSIONI, BUROCRAZIE E INTERESSI; LA ROMA-LATINA E LA NUOVA GIUNTA PONTINA; L’OFFERTA CULTURALE DELLA NOSTRA CITTTÀ E I PESTICIDI SUI CAMPI AGRICOLI. QUESTO E MOLTO ALTRO TROVERETE NEL NUOVO E RICCO NUMERO DI LATINA 5 STELLE MAGAZINE.
ALL’INTERNO DEL NUMERO, IMMAGINI E VIDEO ORIGINALI CON CUI RACCONTIAMO IL NOSTRO TERRITORIO (fare clic sui link e/o sui video per vederne il contenuto).

DA NON PERDERE IL VOLO DEL DRONE SULLA COSTA DA FOCE VERDE A CAPO PORTIERE.

SCARICA LA VERSIONE IN PDF: http://files.meetup.com/312…/latina5stelle-0003-rev-0005.pdf

SFOGLIA LA VERSIONE PER PC/MAC/TABLET (per connessioni veloci)
https://indd.adobe.com/…/ab339e59-1cba-4338-a428-0e0110c21d…

UN CORRIDOIO CHE PUZZA DI BRUCIATO

I disagi vissuti, in particolare in questo ultimo periodo, dai pendolari della Pontina mi coinvolgono direttamente in quanto sono uno di loro.
Una comunità di cittadini che quando in viaggio su quella “mulattiera”, impropriamente chiamata strada, non può dirsi mai sicura ne dei tempi di percorrenza ne della propria incolumità.Po Dunque dovrei essere un sostenitore della realizzazione dell’autostrada ma non è così poiché, nello specifico, si cerca di realizzare un’arteria stradale (in “project financing”, ossia a carico di una società privata disposta a finanziare la maggior parte dell’opera in cambio della gestione e dei guadagni connessi al pedaggio per un tempo mediamente lungo), in parte nuova e in parte sovrapposta al vecchio tracciato, che sarà a pagamento da Borgo Piave a Castel Romano. Il resto del tracciato fino al GRA (Grande Raccordo Anulare) rimarrà lo stesso e dunque si potrebbe venire a creare un imbuto foriero di possibili ingorghi.
Inoltre chi la percorrerà quotidianamente dovrà sborsare circa 150 euro al mese che si andranno ad aggiungere alla spesa per il carburante.
Ciò significa che per chi vive con un solo modesto stipendio il pedaggio si trasformerà nell’ennesimo cappio al collo.
La sua realizzazione, altamente invasiva per il territorio circostante, causerà un danno economico a circa una cinquantina di aziende agricole (in particolare quelle ubicate sul nuovo tracciato previsto per la Cisterna/Valmontone che verranno espropriate di molti terreni in cambio di risarcimenti che, di massima, sono molto lenti ad essere corrisposti e non proporzionati al sacrificio imposto), un danno sul relativo indotto, un danno all’ambiente in generale, un danno alla salute per l’aumento dell’inquinamento derivante dai gas di scarico.Pontina1
La Pontina potrebbe essere, invece, messa in sicurezza e adeguata alle moderne super strade europee senza pedaggio con un minore esborso per i contribuenti.
Il flusso merci potrebbe essere alleggerito dirottandolo sulla tratta ferroviaria Roma/Napoli ed il traffico veicolare potrebbe essere ridotto aumentando e ottimizzando il numero di treni per i pendolari diretti da Latina/Roma e viceversa. Anche la realizzazione di un tram parallelo alla pontina sembrerebbe fattibile (PROGETTO M3).
Alternative ci sono ma, stranamente, si vuole favorire l’opera più inutile e dispendiosa per la collettività.
Eppure l’esempio negativo della “BreBeMi” e della “Pedemontana” dovrebbe rendere bene l’idea.
Allora gli incendi (legati anche allo stato di abbandono dei margini stradali colmi di erbacce e sterpaglie che costituiscono un perfetto innesco) dolosi o meno diventano un eccellente strumento di convincimento/condizionamento per cittadini molto esasperati ma mediamente poco informati sulle possibili alternative alla realizzazione dell’ennesima grande opera che rischia di divenire una novella Salerno/Reggio Calabria soprattutto grazie all’ormai acclarata presenza, sul territorio pontino ma non solo, di una malavita che non vede l’ora che si aprano i cantieri per far pesare tutte le proprie influenze (Resoconto stenografico della “Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie” del 04.05.2016).
Questo è quanto ho appreso in un interessante incontro organizzato ieri sera dal Comitato No Corridoio, presso il circolo Hemingway di Latina, e che mi spinge, unitamente ai numerosi attivisti del Meetup 256 presenti ieri, ad approfondire un argomento che, presto, coinvolgerà molti cittadini di Latina e, in particolare, la sua nuova amministrazione.
* * * * *
Per chi volesse approfondire l’argomento, di seguito, alcuni riferimenti:
– Blog: Comitato No Corridoio
– email: [email protected]

Pezzi di vetro: il vicesindaco e la trasparenza

Fosse successo a Enrico Tiero, ex vice sindaco della precedente amministrazione Di Giorgi, i social network non avrebbero perdonato: colpevole a insindacabile giudizio del web pensiero. Intendiamoci, il suddetto rappresenta ciò che un politico deve evitare di fare, fischietto o non fischietto alla bocca, governo ombra o meno, però…

In data odierna, da notizie pubblicate da Latina Editoriale Oggi, è di pubblico dominio che il vicesindaco di Latina, Maria Paola Briganti, risulta indagata per usura bancaria. Intendiamoci ancora, è coinvolta in un’indagine insieme ad altre 13 persone, per un reato, quello di usura bancaria, ipotizzato in seguito a una denuncia di una parte, una società, che ritiene di essere stata usurata dalla banca di cui il vicesindaco è direttore. Una responsabilità che, laddove dovesse sfociare in un rinvio a giudizio, potrebbe comunque essere oggettiva, sebbene, nel nostro ordinamento, tale possibilità è preclusa innanzitutto dalla Costituzione.

Rinvio a giudizio che, oltre a non essere augurabile, è molto improbabile; il tutto, di converso, – altamente probabile – si concluderà con un’archiviazione per un fatto che parrebbe, sempre da notizie di stampa, essersi concretizzato in 11 anni per la somma di 5000 Euro. 5000 euro in 11 anni che, al cospetto di usure bancarie che hanno interessato le aule di giustizia italiane nell’ultima decade, possono essere definite una somma risibile.

La riflessione, però, non è tanto sull’indagine di un vicesindaco di Latina, che purtroppo non costituisce un unicum nella storia pontina, quanto, in realtà, sulla risposta che il vicesindaco ha fornito una volta interpellata in merito all’indagine.

Il vicesindaco, nonché Assessore alla Trasparenza, Legalità e Sicurezza, chiarito di aver saputo del procedimento a inizio 2015, ha dichiarato che: “È una problematica frequente nel mondo bancario. Di solito si procede in direzione civile per avere un risarcimento, in questo caso la società ha ritenuto di intervenire penalmente. Su aspetti soggettivi di dolo mi sento tranquilla” (fonte: LatinaQuotidiano, articolo di Eleonora Spagnolo).

Da dipendente bancario con funzioni direttive, e sopratutto da assessore alla Trasparenza e alla Legalità, la risposta pone un quesito importante: sin dove arriva l’opportunità politica e comincia la naturale difesa personale?

Dapprima, il vicesindaco della trasparenza avrebbe dovuto dichiarare di essere sotto indagine. Non si sarebbe trattato neanche di un carico pendente, ma di una indagine che da quello che si legge non è di gravità inaudita.

In secondo luogo, l’errore di comunicazione è imponente dal momento che qualcuno potrebbe pensare che un direttore di bancapezzi di vetro 2 ha come rischio del mestiere l’usura bancaria – e immaginiamo come questo filo conduttore abbia fatto la gioia dei guru contro le banche fagocitanti lo sterco del diavolo e storcere la bocca a qualche direttore bancario che mai si sognerebbe di dire che tra i rischi del mestiere c’è quello di passare per usuraio.

Involontariamente, il vicesindaco dà la stura all’archetipo iper-semplificato di questi anni che vede le banche come centro di cravattari e le società di imprenditori agnelli scuoiati sull’altare del profitto. Intendiamoci per la terza volta, ci sono molti casi che hanno fatto pensare con nettezza a questo (i dipendenti bancari che concedevano ai clienti fidi in cambio di azioni, come avvenuto in molte banche in Italia, gridano vendetta), non di certo però un’indagine che mette sul piatto 5000 Euro e che avrebbe richiesto una risposta un po’ più coraggiosa e consona da parte dell’assessore alla legalità, magari suggerita da quell’addetto stampa che tanto scalpore ha suscitato perché figlia dell’assessore Di Muro.

Occorre offrire tempo a un’amministrazione per essere giudicata, questo è sacrosanto; non è così difficile dover ammettere che alcune prove iniziali di codesta amministrazione sono state quantomeno inopportune come l’assessore dipendente della multinazionale che si occupa di OGM seduto al fianco dell’assessore che vendeva prodotti bio; oppure dello spauracchio Mafia Capitale entrato di diritto nel dibattito in seguito alla nomina della moglie di uno degli indagati, senza menzionare la delega data alla stessa in aperto conflitto d’interessi con la sua occupazione lavorativa e di attivista impegnata nel sociale; oppure, del discusso plenipotenziario dell’Urbanistica, dei Lavori Pubblici, dell’edilizia pubblica e privata, dei trasporti pubblici e privati: un vero e proprio secondo sindaco di fatto, senza indulgere, almeno in questo scritto, nelle scelte adottate quando era dirigente nel comune limitrofo di Cisterna di Latina.

Non saranno neanche alcune decisioni un po’ raffazzonate dettate dalla giustificabile inesperienza – vedi bando per le concessioni delle strutture sportive con marcia indietro sullo sconto; o video-sorveglianza accesa di nuovo – a Via Aspromonte avranno tremato a saperlo – con il problema che la società che ha installato le telecamere è creditrice di circa duecentomila Euro. Non saranno neanche le prime prove in Consiglio come l’ordine del giorno a favore della Roma Latina passato grazie all’astensione di LBC e al voto di un consigliere della maggioranza stessa (Leotta) – a proposito, ma questa giunta e questa maggioranza sono a favore o meno della Roma Latina con annessa tangenziale (impattante è un pallido eufemismo) sulla città pontina?

Al di là di questo e altro – non solo fatti negativi ma scelte positive come l’annuncio che si sgombereranno gli uffici del Pegasol pagati a peso d’oro per sfruttare finalmente l’ex Albergo Italia – c’è da domandarsi se la china sia questa: se al prossimo avviso di garanzia, qualcuno dirà che fa parte del rischio d’impresa o di professione. Perché francamente è difficile sentire che un poliziotto, per difendersi, dica che tra i suoi rischi ci sia quello di pestare un indiziato, o un imprenditore possa incorrere nel rischio di pagare con i voucher o i buoni pasto dipendenti di fatto.

Dall’assessore alla Legalità e alla Trasparenza, un assessorato altamente simbolico in una città che ha dormito per anni prima di ammettere di avere un clan vero e proprio e di essere inzuppata in un territorio provinciale che non si fa mancare neanche una delle storiche organizzazione criminali da Cosa Nostra alla ndrangheta passando per la camorra, la Sacra Corona Unita più le nuove mafie straniere, ci si sarebbe aspettato una scusa ufficiale nel non aver comunicato la sua trasparenza. E magari una rinuncia (le dimissioni le valuterà nel caso fosse rinviata a giudizio), almeno fino a quando non verrà archiviata la sua posizione, a trattare, come scritto tra le sue deleghe, di “Interventi sull’amministrazione trasparente”. Poiché di trasparenti e poco palpabili, ad ora, sono in special modo i propositi e le promesse.

Latina 5 Stelle magazine – numero 1

Oggi è il giorno del numero 1!
Dopo l’esordio col numero zero uscito un mese fa (2 giugno 2016), il magazine Latina 5 Stelle è pronto con nuovi articoli, video, immagini e contributi ricchi e speciali.
Nel numero di questo mese, troverete reportage, inchieste, riflessioni culturali, politiche, sociali, sport e satira.
Dal Gay Pride agli sport minori, dal nuovo assetto politico cittadino al problema delle erosioni della costa, dalle slot machine alla legalità passando per le strade, l’offerta culturale, le questioni di rilevanza sociale. Tutto questo e ancora molto di più, senza menzionare il contributo spassosissimo di un personaggio noto ai social network.
Nel magazine sono inclusi, inoltre, video da guardare e immagini straordinarie da ammirare.
Buona fruizione!

Latina5stelle magazine n.1 luglio/2016
Scarica il pdf sfogliabile del magazine facendo clic qui.

Consulta in versione sfogliabile dal tuo browser facendo clic qui.

 

Latina liberata?

Questo scritto è la versione integrale dell’articolo richiesto e pubblicato da Il Giornale di Latina in data 21-06-2016.

Tempo fa più di qualcuno pensò che Latina fosse stata liberata. Era il 2013, il Movimento aveva raggiunto un risultato clamoroso alle Politiche e quel famoso 25% aprì la porta alla stagione del 5 Stelle nelle più alte Istituzioni del Paese.

Fu un canto liberatorio, la presa di coscienza che i cittadini potessero avere finalmente un punto di riferimento cui fosse facile riconoscersi senza il disgusto di dover sottostare e sottacere rispetto a logiche partitiche, con tutte le nauseabonde “doti” del caso.

Oggi, nel giugno del 2016, molti cittadini pensano che Latina sia stata finalmente liberata e, del resto, è ciò che ha esclamato Damiano Coletta sindaco, simbolicamente con alle spalle il municipio e davanti una folla emozionata.

L’entusiasmo ricorda molto quello del 2013, c’è lo stesso senso di rivalsa e, per l’appunto, liberazione: i vecchi catenacci sono stati sostituiti, le nuove generazioni finalmente vengono riconosciute sotto la spinta di una coalizione civica non legata ai vecchi organismi dirigenziali.

Questa è stata la percezione che ha reso la vittoria di Coletta, iniziata, senza nulla togliere allo sforzo e al valore delle liste civiche messe in campo, a fine marzo del 2016, quando il blog di Beppe Grillo sancì la mancata certificazione di una lista 5 Stelle a Latina.

A quel punto, la coalizione di Coletta ha saputo convergere le forze e ha potuto far risaltare ancor di più le qualità della sua azione che vale di per sé, ma che, ad essere onesti intellettualmente, non avrebbe avuto lo stesso megafono in città se a concorrere ci fosse stato il Movimento.

E sì perché, tolto il Movimento, Coletta e LBC sono diventati il sostitutivo baluardo contro i soliti noti che, ad essere altrettanto onesti intellettualmente, non ne hanno azzeccata una presentando nelle loro fila facce e programmi che avevano il sapore stantio del già vissuto, pur tentando in forme minime di proporre qualche volto diverso che, purtroppo, è stato fagocitato dal coletta sindaco1sentire che attualmente offrono i partiti tutti.

Non si taccerà il presente scritto di pedanteria se chi scrive indulge ad accostare le sorti di LBC e il nuovo sindaco con quelle del Movimento, perché i due destini sono paralleli sebbene, chiamati al bivio, gli uni hanno imboccato la strada del successo e l’altro è miseramente caduto nel gorgo del fallimento. Ma, in quel giardino dove i sentieri si sono biforcati, è scritta la storia di queste elezioni.

Non solo una questione di preferenze che, come nei vasi comunicanti, sono confluiti da una parte verso l’altra (Coletta ha ottenuto preferenze anche dal mondo del PD; il Movimento avrebbe ottenuto voti da ogni ambito politico); non solo una questione di lessico e concetti (si vedrà in futuro se LBC li abbia intesi per essere applicati) mutuati dal Movimento 5 Stelle e dai meetup – condivisione, partecipazione, onestà, trasparenza: principi vecchi come il mondo si dirà, ma riproposti prepotentemente dal Movimento sin dalla fine degli anni Zero assorbendo tutte le accuse di populismo e demagogia che un terreno scivoloso come il consenso popolare comporta; è stata, invero, un’affinità elettiva (si perdoni il gioco di parole) della Storia che ha premiato chi c’era e ha emarginato l’acuta e già dimenticata assenza. Una Storia provinciale, qualcuno potrà obiettare, ma pur sempre la Storia di Latina. Continua a leggere