Category Archives: Iniziative Locali

Iniziative inerenti il territorio della provincia di Latina

TEATRO COMUNALE D’ANNUNZIO: SI STAVA MEGLIO QUANDO SI STAVA PEGGIO

Il 10 agosto 2017, la Giunta Coletta ha dato seguito all’ennesimo cambio di passo rispetto a quanto prometteva.Articolo di giornale sul Teatro D'Annunzio di Latina

In merito al destino del Teatro Comunale D’Annunzio e in relazione alla normativa antincendio che da anni tormenta il destino del più grande teatro provinciale (fino a quando non sarà ridotta la superficie del palco), dopo un anno di silenzio pare che si procederà alla costruzione di due muri frangifuoco da realizzare direttamente sul palco: un’azione che ridurrà a 150 mq la superficie utile alle attività teatrali, senza considerare la sottrazione di spazio ulteriore determinata dal montaggio delle quinte. Si decide in fretta e in furia ad agosto, senza che sia pubblicata la delibera di Giunta sull’Albo Pretorio online (peraltro fermo al 5 giugno 2017); sempre che tale delibera non sia stata approvata con carattere di urgenza il che eviterebbe l’obbligo di pubblicazione immediata ai fini della piena legittimità. Ad ogni modo, la questione teatro non è un tema scottante e urgente in sé, piuttosto ciò che lascia perplessi è il modo in cui è stata gestita.
Continua a leggere

Latina, liste d’attesa ASL: il “caro” diritto alla salute

Emanuela* lotta ogni giorno contro il cancro ed è una persona che non vuole rimanere indifferente di fronte alla nota lentezza dei tempi d’attesa dell’ASL di Latina. Per questi motivi lo denuncia pubblicamente.

CALL TO ACTION – Questa battaglia non può e non deve essere ignorata dai cittadini che vogliono essere parte attiva nel miglioramento dei servizi pubblici e della loro gestione, in special modo quando da questi dipende il diritto alla salute e, soprattutto, alla vita.

Leggi l’articolo e, successivamente, copia e invia il testo della mail agli indirizzi di posta elettronica segnalati.

*La denuncia di Emanuela Straolzini è stata scritta in prima persona per dare la possibilità ai lettori di mettersi nei panni di chi lotta tutti i giorni contro il cancro e la burocrazia.

 

Liste d’attesa: una lotta contro il tempo

Da un’ecografia fatta il 23 luglio 2016, ho scoperto di avere un carcinoma al seno. Sapevo già cosa mi aspettava, avendo perso mio padre nel 2014 per un cancro ai polmoni. CUP - Centro Unico Prenotazione

La scorsa estate, ho amaramente constatato che per un ecocardiodoppler con visita cardiologica e una TAC total body comprensiva del cranio – visite obbligatorie per l’avvio di ogni ciclo chemioterapico idoneo al tipo di cancro che mi ha colpito -, i tempi di attesa del Centro Unico di Prenotazione (CUP) della Regione Lazio potevano sfiorare anche gli 8-10 mesi: a settembre 2016 ho chiamato per sapere per quando avrei potuto prenotare questi ed altri esami e mi è stato risposto che le prime disponibilità sarebbero state per la primavera-estate del 2017. Non ho mai prenotato per poi non presentarmi.

Per me, un’attesa così lunga suonava come una sentenza di condanna a morte. Le metastasi, proprio loro, non aspettano nessuno. Un giorno in più, spesso, corrisponde a varcare in maniera irreversibile il punto di non ritorno, un tentennamento in più può significare perdere la possibilità di guarire o, semplicemente, di poter sopravvivere un po’ più a lungo.
Continua a leggere

Un Si fatto di persone

II meetup 256 “I Grilli e Cicale” di Latina, con la collaborazione del meetup “Amici di Beppe Grillo” di Terracina,II meetup 256 “I Grilli e Cicale” di Latina, con la collaborazione del meetup “Amici di Beppe Grillo” di Terracina, presenta:
“Un Si fatto di persone”
Campagna di sensibilizzazione per il referendum del 17 aprile.

Domenica 17 aprile recati presso i seggi elettorali, dalle 7 alle 23, per votare SI, perché solo così potrai dire SI alla salvaguardia del nostro ambiente da cui dipende la nostra salute e fermare le possibili proroghe tese alle estrazioni di gas e petrolio in mare.

“Quando l’ultimo albero sarà stato abbattuto, l’ultimo fiume avvelenato, l’ultimo pesce pescato, ci accorgeremo che non si potrà mangiare il denaro”

#‎notrivelle‬ ‪#‎votasi‬

TEATRO COMUNALE: MIGLIORARE IL PROGETTO DI ADEGUAMENTO

Questa è la lettera che abbiamo spedito stamane, 11 aprile 2016, al Commissario Prefettizio, Dott. Giacomo Barbato, per chiedere che venga indetta un’assemblea pubblica in cui possano essere ascoltate associazioni, istituti, enti e cittadini e, in generale, portatori di interessi collettivi al fine di migliorare il progetto di adeguamento alla normativa antincendio del Teatro Comunale D’Annunzio. Nel testo qui di seguito, inoltre, sono state elencate tutte le nostre osservazioni in merito a problematiche strutturali, funzionali e impiantistiche che vengono causate dalla stessa attuazione delle disposizioni in materia di antincendio.

Continua a leggere

Referendum Sociali: costituito il Comitato anche per la provincia di Latina

Ieri, 29 marzo 2016, si è costituito a Latina, presso il Chiostro della Cultura Stoà, il Comitato Provinciale per i Referendum Sociali e la Partecipazione Democratica.

Nel Comitato Promotore figurano: CSL (Coordinamento Scuole Latina), Unicobas Latina, Gilda Latina, Comitato per l’Acqua Pubblica di Latina, Meetup 5 Stelle Latina in MoVimento, Meetup Terracina Anno Zero, flc CGIL, Meetup 256 I Grilli e le Cicale di Latina, Comitato Lip Latina.

Lucia Fantauzzi è stata eletta all’unanimità referente del Comitato.

Questi gli obiettivi dei referendum sociali: difendere la scuola pubblica, ottenere l’opzione “trivelle zero” in terraferma e oltre le 12 miglia in mare, contrastare gli inceneritori e salvaguardare la gestione pubblica dell’acqua e degli altri servizi. I comitati sparsi in tutta Italia devono raccogliere almeno 500.000 firme (ma si parla di 700.000 come margine di sicurezza) nella primavera 2016, con eventuale voto nella primavera 2017.

Ieri a Latina è stata posta grande attenzione soprattutto sui quattro quesiti referendari riguardanti la legge sulla scuola n. 107, quesiti che riguardano l’alternanza scuola-lavoro, la chiamata diretta del dirigente scolastico, il cosiddetto school-bonus, il comitato di valutazione.

Ecco sinteticamente cosa proporranno i quattro quesiti abrogativi sulla scuola.

SCHOOL BONUS: si chiederà di cancellare un beneficio di fatto riservato alle scuole private: le erogazioni liberali non dovranno più essere riservate alle singole scuole, ma all’intero sistema scolastico, scongiurando così anche la possibilità che le scuole private sfruttino tali meccanismi per eludere le tasse su una parte delle rette;

POTERI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO: formulazione che abroghi la chiamata diretta degli insegnanti da parte del dirigente scolastico sugli ambiti territoriali per incarichi solo triennali;

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO: abrogazione dell’obbligo di 200 ore nei licei e 400 ore nei tecnico-professionale, lasciando le scuole libere di organizzare tali attività come hanno sempre fatto;

VALUTAZIONE DEL MERITO DA PARTE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO: abrogazione parziale dei relativi commi, allo scopo di ripristinare le funzioni precedenti del comitato di valutazione secondo il T.U. (Dl 297/94) e attribuzione del fondo per la valorizzazione dei docenti alla contrattazione.

La campagna per la raccolta delle firme partirà il 9 e 10 aprile e durerà tre mesi. Previsti banchetti a Latina, Terracina, Aprilia, Sabaudia e altre città della provincia.