Interrogazione Urgente sull’attuale diffusione del Virus Ebola e misure sanitarie adottate dal nostro Paese.

E’ notizia di questi giorni dell’epidemia di Ebola ,a velocità di diffusione abbastanza sostenuta, che sta interessando alcuni paesi Africani quali la Guinea, la vicina Liberia ed il Senegal. Purtroppo in un mondo globalizzato in cui merci e persone viaggiano in modo molto veloce ,e spesso anche fuori dai controlli legali, si materializza anche lo spettro della diffusione di malattie e parassiti che utilizzano come vettori le persone stesse e le merci in spostamento attraverso i continenti.

Operatori Sanitari che si preparano ad assistere persone contagiate da Ebolavirus.

Lungi dal voler creare inutili allarmismi, se le notizie portate dai mezzi di informazione dovessero essere ufficialmente confermate (Medici Senza Frontiere parla di epidemia senza precedenti) andrebbero prese serie precauzioni  dal momento che il virus Ebola è tra le specie virali maggiormente letali per l’uomo in cui causa febbre emorragica che porta alla morte. Le sue caratteristiche di alta velocità di diffusione, periodo di incubazione di circa 20 giorni, e mortalità di oltre il 50 % dei colpiti ,per mancanza di terapie e vaccini, lo rendono uno dei virus più temuti anche dalla moderna medicina che sembra potere tutto.

Molti Paesi Africani ,limitrofi ai Paesi interessati dall’epidemia di Ebola, hanno già preso urgenti misure sanitarie ai confini e nei principali scali aeroportuali con screening e programmi di messa in quarantena delle persone risultanti positive al contagio. La domanda ,posta sotto forma di interrogazione orale a carattere di urgenza in data 3 Aprile 2014 della Portavoce al Senato Ivana Simeoni, riguarda la richiesta di maggiori e più precise informazioni circa i numeri reali del contagio e della sua possibile estensione anche ai paesi nordafricani,  nonché delle misure sanitarie che il nostro paese starebbe adottando vista la nostra posizione geografica di “porta d’Europa” sul  Mediterraneo e sull’Africa Occidentale che ci rende soggetti a forti flussi migratori ,per di più fuori controllo.

 

Posted on 5 aprile 2014, in Comunicati, Interrogazioni, Parlamento and tagged , , , , . Bookmark the permalink. Leave a Comment.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *