Il caso Ciccarelli/Forlenza

Premesso che non vi fossero molte possibilità perché l’assessora rispondesse alla richiesta di chiarimento in base alle sue dichiarazioni di luglio 2016 (in merito al proscioglimento del marito/imprenditore Forlenza dall’inchiesta Mondo di Mezzo/Mafia Capitale), si può affermare, ad ora, che la delegata alle Politiche di Welfare e Partecipazione, Pari opportunità del Comune di Latina, Patrizia Ciccarelli, ha mentito, o ha omesso, o era inconsapevole riguardo a ciò che ha detto sul coinvolgimento di suo marito nello scandalo Mondo di Mezzo/Mafia Capitale. Che poi sia peggio la menzogna, l’omissione o l’inconsapevolezza per la credibilità di un assessore di un ente comunale lo stabiliranno i cittadini.

Dichiarare il coniuge prosciolto dall’inchiesta capitolina è stato un errore, sebbene non si voglia rappresentarlo come tale e si preferisce l’indifferenza a un desiderio di trasparenza. Non proprio il “non plus ultra” per un’amministrazione, quella attuale, che si prefigge di seguire la stella polare delle chiare scelte nei confronti del cittadino. Ad ogni modo, senza il rischio di essere apodittici, così è stato.

Il caso della menzogna, o dell’omissione, o della inconsapevolezza, che a una lettura emotiva e superficiale potrebbe essere derubricato a fatto privato, è invece piuttosto spinoso, sopratutto pubblico e indubbiamente non trascurabile. Senza contare che, mesi fa, una volta trattato da alcuni organi di stampa locale, ha causato le risposte piccate del duo Ciccarelli/Forlenza: dove l’assessora si rivolgeva con sdegno, quasi da lesa maestà, dimostrando, a suo dire, la totale estraneità ai fatti del marito, il medesimo, invece, predisponeva azioni civili per danni rivolte alla stampa locale.
Continua a leggere

Assessora Patrizia Ciccarelli: inconsapevolezza o omissione?

In tempi di fake news, anche Latina ha le sue gatte da pelare. In questa occasione, però, i responsabili non sono i media o i siti di informazione ma un assessore del Comune di Latina, nella fattispecie un’assessora (così ama essere chiamata). Qualche mese fa, a luglio del 2016, l’assessora alle “politiche di welfare, partecipazione e diritti sociali, politiche sociali e famiglie”, Patrizia Ciccarelli, rilasciò un’intervista a ilcaffè.tv in cui dichiarava: “Mio marito è stato prosciolto, fa solo comodo pensare che io abbia una mano lunga e che sia stata messa al Comune di Latina per chissà quali scopi. Questa esperienza ha portato dolore, anche a me. C’era un cialtrone alla guida di Mafia Capitale che ha utilizzato dei canali per delinquere. Se uno volesse riflettere davvero su questa vicenda capirebbe che proprio per evitare situazioni del genere c’è bisogno di una pulizia all’interno dei Comuni, come ha fatto Latina”. Come noto, il marito dell’assessora è l’imprenditore Salvatore Forlenza, vicino da sempre al mondo delle cooperative rosse, che oltre ad essere coinvolto in Mafia Capitale, è stato imbeccato dalle cronache qualche mese fa per un’indagine che ha visto la polizia di Latina sequestrare i locali in cui si trova la sua società Cosmopolitan in via Degli Osci. Il sequestro preventivo ha interessato il piano terra della palazzina realizzata con fondi regionali e rientrante (o almeno sarebbe dovuta rientrare) nelle disponibilità del Comune di Latina. La società Cosmopolitan di Salvatore Forlenza si sarebbe “appropriata” della parte interessata dal sequestro e lo stesso Forlenza avrebbe subaffittato ad un’altra società per un’euro al mese i locali. Reati ipotizzati: truffa ai danni del comune, falso ideologico, occupazione e usurpazione di proprietà comunale. Questa notizia dell’11 novembre 2016 fu spazzata via dallo scandalo Olimpia che ha visto coinvolti Di Giorgi, Maietta and Co. Invero, la dichiarazione di luglio dell’assessora, che non è responsabile delle azioni del marito, ma lo è in merito a ciò che dice, è falsa. Il proscioglimento di suo marito dall’indagine di Mafia Capitale, Salvatore Forlenza, non è mai esistito. Per di più, oggi, la gip del Tribunale di Roma Flavia Costantini, chiamata a giudicare sulle 116 richieste di archiviazioni da parte della Procura capitolina per Mafia Capitale, ha respinto la richiesta di archiviazione solo per tre delle 116 richieste. Una delle tre richieste respinte riguarda, per l’appunto, suo marito, l’imprenditore Salvatore Forlenza.

Delle due l’una: l’assessora Ciccarelli non sapeva oppure ha mentito.
È opportuno un chiarimento da parte dell’assessora, si spera che arrivi quanto prima.

LA BILANCIA SBILANCIATA DELLA GIUSTIZIA SOCIALE: un piccolo caso e alcune riflessioni

Nel numero del 29-12-2016 di “Latina Oggi”, vi era un titolo che riprendeva un’intervista rilasciata il giorno precedente a “la Repubblica” dal senatore Giuseppe Vacciano. A pagina 4, sul quotidiano pontino, vi era scritto: “Vacciano insiste: basta con i vitalizi”. Senza indulgere in alcuna polemica né con il giornale né con Giuseppe Vacciano (non c’è interesse né intenzione), ci sono da registrare diverse cose che fanno strabuzzare gli occhi e suggeriscono alcune riflessioni.
Il vitalizio, di fatto una rendita di stampo grillesco (nel senso del Marchese del Grillo: “Io so’ io e voi…”), fu abolito sostanzialmente dal gennaio 2012 con l’introduzione del nuovo trattamento previdenziale dei parlamentari, basato sul sistema di calcolo contributivo già adottato per il personale dipendente della Pubblica Amministrazione. Vitalizi, che è bene precisare, permangono per chi già li riceveva, prima che il Governo Monti ponesse le condizioni attraverso il decreto legge del 2011 affinché Camera, Senato e Regioni recepissero e applicassero le varie sforbiciate, con distinguo e iniquità caso per caso, tra ricorsi e contenziosi che durano ancora oggi. Sul sito del Senato della Repubblica, nella sezione dedicata al trattamento economico dei senatori, si legge alla voce “Pensioni” che: “Il diritto al trattamento pensionistico si matura al conseguimento di un duplice requisito, anagrafico e contributivo: l’ex parlamentare ha infatti diritto a ricevere la pensione a condizione di avere svolto il mandato parlamentare per almeno 5 anni e di aver compiuto 65 anni di età. Per ogni anno di mandato oltre il quinto, il requisito anagrafico è diminuito di un anno sino al minimo inderogabile di 60 anni. Coerentemente con quanto previsto per la generalità dei lavoratori, anche ai Senatori in carica alla data del 1° gennaio 2012 è applicato un sistema pro rata: la loro pensione risulta dalla somma della quota di assegno vitalizio definitivamente maturato, al 31 dicembre 2011, e della quota di pensione riferita agli anni di mandato parlamentare esercitato dal 2012 in poi…Infine, con la deliberazione del Consiglio di Presidenza n. 57 del 7 maggio 2015, è stata disposta la cessazione dell’erogazione degli assegni vitalizi e delle pensioni agli ex senatori condannati in via definitiva per reati di particolare gravità”.
Un regolamento che per le pensioni è praticamente identico anche per i deputati della Camera. E sopratutto uno sconto rilevante se si considera che, nel 2018, anno della scadenza naturale della legislatura in corso, la legge Fornero fissa a 66 anni e 7 mesi l’età pensionabile dei comuni mortali; e sopratutto un’iniquità vestita di cavilli e forma se si tiene conto che i coefficienti di rivalutazione dei contributi versati dai parlamentari sono di gran lunga più vantaggiosi di quelli previsti dalla riforma che porta il nome della ministra del Lavoro, famosa per aver pianto e distrutto il sistema pensionistico italiano ignorando deliberatamente i diritti acquisiti e i patti morali tra generazioni.  Continua a leggere

PROTEZIONE CIVILE DI LATINA e IL MAGAZZINO CHE FA ACQUA

Il 24 gennaio 2017 una delegazione del Meetup256 (I grilli e le cicale di Latina) si è recata presso “il Centro Operativo Intercomunale – C.O.I.” della Protezione Civile del Comune di Latina (ubicato in via G. Matteotti , 143) per cercare di dare un contributo alla squadra di volontari (a cui va tutto il nostro apprezzamento) che, nel primo pomeriggio, si sarebbe recata in una delle località laziali colpita sia dal terremoto che dalle eccezionali nevicate di queste settimane.
In poche ore, tra gli intervenuti, si è riusciti a raccogliere il denaro necessario per acquistare 5 pale da neve, diversi paia di guanti da lavoro, degli stivali e altro materiale. Inoltre, alcuni altri cittadini, hanno voluto contribuire con vari materiali di prima necessità.
Dunque una mattinata proficua all’insegna della solidarietà che ci ha fornito l’occasione di visitare il magazzino di stoccaggio del C.O.I. che, tuttavia, ci ha lasciato molto perplessi.
Infatti, come potete vedere dalle relative foto, il magazzino appare in uno stato strutturale che riteniamo non adeguato e soggetto ad infiltrazioni d’acqua che, certamente, non depongono a favore della salubrità di un luogo nel quale vengono stoccate anche derrate alimentari, benché sigillate ed a lunga scadenza. La mancanza di adeguate scaffalature costringe l’ammassamento dei vari scatoloni e buste (contenenti, in particolare, alimenti) a terra o su pallet in legno, in maniera del tutto casuale. Inoltre abbiamo potuto notare la mancanza di una suddivisione per generi o per scadenza.
Quanto osservato e documentato mostra delle oggettive limitazioni logistiche che ci pongono anche seri dubbi sull’efficienza organizzativa della locale Protezione Civile che, a quanto sembra, non avrebbe nemmeno una reale contezza sulla “contabilità” di quanto in gestione (in termini di materiali/alimenti/varie) e delle relative entrate/uscite.
Al riguardo, infatti, ci chiediamo se esista un registro cartaceo o elettronico (database) dalla quale poter verificare le donazioni ricevute, quelle elargite, la relativa quantità, i soggetti, le associazioni o gli enti che ne hanno beneficiato e se le varie movimentazioni sono, come dovrebbe essere, preventivamente autorizzate da qualche responsabile o affidate all’iniziativa individuale di qualche impiegato/addetto del preposto ufficio. Dunque chiediamo all’amministrazione Coletta, in particolare all’assessore Roberto Lessio che ha in carico la trattazione della Protezione Civile, di verificare quanto da noi documentato e di porre in essere, in tempi ragionevoli, gli eventuali correttivi del caso. Restiamo comunque basiti per una situazione logistica degradata che, chiaramente, fa parte dell’eredità politica amministrativa del sindaco Di Giorgi che, ricordiamo, ha fatto capo prima all’assessore Di Cocco (Cuori Italiani) e poi all’ex vice sindaco Enrico Tiero (Cuori Italiani) che aveva la delega alla Protezione civile.
Abbiamo conferma, da ultimo, che ci sono immobili comunali che vengono gestiti con molta approssimazione e che avendo al loro interno stanze che potrebbero essere impiegate in maniera più funzionale e ragionevole vengono, altresì, utilizzate come delle “isole ecologiche” (vedasi foto di uno sgabuzzino con all’interno ammassate vecchie sedie da ufficio, suppellettili ed altro materiale).

Latina, liste d’attesa ASL: il “caro” diritto alla salute

Emanuela* lotta ogni giorno contro il cancro ed è una persona che non vuole rimanere indifferente di fronte alla nota lentezza dei tempi d’attesa dell’ASL di Latina. Per questi motivi lo denuncia pubblicamente.

CALL TO ACTION – Questa battaglia non può e non deve essere ignorata dai cittadini che vogliono essere parte attiva nel miglioramento dei servizi pubblici e della loro gestione, in special modo quando da questi dipende il diritto alla salute e, soprattutto, alla vita.

Leggi l’articolo e, successivamente, copia e invia il testo della mail agli indirizzi di posta elettronica segnalati.

*La denuncia di Emanuela Straolzini è stata scritta in prima persona per dare la possibilità ai lettori di mettersi nei panni di chi lotta tutti i giorni contro il cancro e la burocrazia.

 

Liste d’attesa: una lotta contro il tempo

Da un’ecografia fatta il 23 luglio 2016, ho scoperto di avere un carcinoma al seno. Sapevo già cosa mi aspettava, avendo perso mio padre nel 2014 per un cancro ai polmoni. CUP - Centro Unico Prenotazione

La scorsa estate, ho amaramente constatato che per un ecocardiodoppler con visita cardiologica e una TAC total body comprensiva del cranio – visite obbligatorie per l’avvio di ogni ciclo chemioterapico idoneo al tipo di cancro che mi ha colpito -, i tempi di attesa del Centro Unico di Prenotazione (CUP) della Regione Lazio potevano sfiorare anche gli 8-10 mesi: a settembre 2016 ho chiamato per sapere per quando avrei potuto prenotare questi ed altri esami e mi è stato risposto che le prime disponibilità sarebbero state per la primavera-estate del 2017. Non ho mai prenotato per poi non presentarmi.

Per me, un’attesa così lunga suonava come una sentenza di condanna a morte. Le metastasi, proprio loro, non aspettano nessuno. Un giorno in più, spesso, corrisponde a varcare in maniera irreversibile il punto di non ritorno, un tentennamento in più può significare perdere la possibilità di guarire o, semplicemente, di poter sopravvivere un po’ più a lungo.
Continua a leggere