PAR CONDICIO?

Per i cittadini di Latina che vogliono tenersi informati su ciò che accade nel capoluogo, nella sua provincia e nelle vicine zone dell’area metropolitana romana ci sono, di massima, quattro possibilità.
La prima, è quella di leggere l’unico quotidiano locale disponibile nelle edicole che copre una vasta area territoriale.
La seconda, è quella di farsi un giro delle testate o para-testate web che si riferiscono alla propria città e/o zona.
La terza, dare un’occhiata al TG3 ovvero ai TG delle emittenti locali.
La quarta, tipica del cittadino che non vuole lasciare nulla al caso e cerca di farsi un’idea generale nel tentativo di colmare tutte le lacune informative, dolose o meno, è quella di adottare tutte le citate opzioni.
Ma l’ultima opzione, lo sappiamo, è la più difficile e poco praticata da chi, in generale, non ha molto tempo per informarsi.
Per chi, invece, ne ha pochissimo (purtroppo nella maggior parte dei casi) rimane solo la prima possibilità.
Dunque o si compra direttamente l’unico quotidiano disponibile oppure, in occasione del classico caffè o spuntino al bar, si da una sbirciatina ai giornali presenti nel locale, solitamente messi a disposizione della clientela dal relativo gestore.

In base all’analisi prodotta da ADS (Accertamenti Diffusione Stampa – http://www.adsnotizie.it ), che tiene conto della tiratura, delle copie vendute e dei relativi resi, è possibile rendersi conto che tra i giornali di maggiore interesse spiccano quelli nazionali e, in particolare, quelli dedicati allo Sport.
Diversi giornali, a prescindere se nazionali o locali che trattano notizie di carattere generale o prevalentemente di sport, ancora oggi, usufruiscono di contributi pubblici che possono essere di stato o regionali.
Ma il “contributo” può avvenire anche in maniera indiretta quando, ad esempio, si ricevono commissioni per inserzioni pubblicitarie per la diffusione di informazioni d’interesse collettivo.
Ma se un giornale riceve dei contributi pubblici dovrebbe assicurare una linea editoriale equilibrata, oggettiva dunque non partigiana e, soprattutto, nel rispetto dell’interesse pubblico dovrebbe consentire a tutte le parti in causa di fornire la propria versione relativa ad un fatto, in particolare nel corso di una campagna elettorale.
Perciò “la penna” non dovrebbe fermarsi solo alle dichiarazioni, alle veline, alle deduzioni di massima.
Ma la risposta che spesso si ha quando si osa fare dei “rilievi” ad un giornalista che taglia le argomentazioni a corredo di una tesi è sempre la stessa: “sintesi giornalistica, ecc. ecc.”.
Allora, venendo a quanto riportato nello specifico articolo che alleghiamo, ci permettiamo di porre una semplice domanda al professionista che lo ha redatto: “è possibile che nel suo pezzo, dedicato al pietoso stato in cui versa da anni una strada principale che collega la Capitale d’Italia alla seconda città del Lazio, sono stati riportai i pensieri dei principali esponenti locali di diverse formazioni politiche, mentre la stessa opportunità non è stata concessa ad un esponente eletto in ambito regionale del M5S che, le ricordiamo, è il primo partito italiano?”.
Che so, poteva fare uno squillo a Gaia Pernarella (consigliere regionale)?
Se occupata o non raggiungibile, poteva provare a sentire un candidato M5S della provincia in corsa per la regione o il parlamento?
Forse, in “5 battute”, le avrebbe potuto riferire che il M5S non è “contrario” all’opera e basta, come invece lei ha facilmente sintetizzato.
In questo modo, oltre a dare a tutti i soggetti politici citati nel suo articolo la stessa possibilità, avrebbe avuto l’occasione di apprendere e riportare, “sinteticamente”, anche la proposta alternativa che il M5S sta suggerendo da anni, ovvero la messa in sicurezza e l’adeguamento del tracciato con l’inserimento di una corsia d’emergenza. Soluzione praticabile che farebbe risparmiare tempo e soldi ai cittadini della Regione Lazio.
* * * * *
Gianluca Bono
candidato M5S al Senato
Collegio Plurinominale Lazio-3
=====
Segue articolo pubblicato su EDITORIALE OGGI il 25/02/2018

Posted on 26 febbraio 2018, in Blog, Comunicati. Bookmark the permalink. Leave a Comment.

Comments are closed.