PERDIAMO NOI ?!?

eu

La “sbornia” di queste settimane sta lentamente passando e, come spesso accade, lascia dietro di se un retrogusto amarognolo, arsura, cerchio alla testa e una inevitabile frustrazione.

Da una prima valutazione dei dati pubblicati dal Ministero degli Interni relativa all’affluenza si può tristemente affermare, ancora una volta, che il PRIMO partito in Italia è quello dell’ASTENSIONISMO.

Detto questo, volendo dare una nota sarcastica ai risultati degli scrutini, posso affermare che: ha stravinto il PAI (Partito Astensionista Italiano); ha vinto il PD (+/- L) grazie ai fenomenali “spot” , trasmessi quasi a reti unificate, dal suo miglior televenditore (verosimilmente supportato dal coach Giorgio Mastrota); è arretrato il M5S (rispetto al dato delle nazionali 2013 mentre si è consolidato, ed in certi casi avanzato, rispetto alle ultime elezioni amministrative) che, comunque, ha “perso” la scommessa ossessiva-compulsiva mediatica/web del “VINCIAMO NOI” e riabilita, ahimè, il detto: “piazze piene urne vuote”.

Sul risultato degli altri partiti politici , ad eccezione della rediviva Lega Nord (che comunque rispetto alle ultime europee perde il 4%) e dei “sopravvissuti” NCD (sempre grazie al salvagente Casini che sta facendo di tutto per non scomparire) e TSIPRAS posso solo dire: NON PERVENUTI !!!

Che dire quindi ? 

Certamente il successo del PD (+/- L) va ricercato, di massima, anche:
– nell’acquisizione dei voti della componente centrista over 40 dell’ex PDL (conservatrice, clericale, moderata e assuefatta al sistema partitico);
– nel disfacimento di Scelta Civica e del relativo esodo di voti;
– nell’acquisizione dei voti “di protesta” che nel 2013 erano confluiti nel M5S;
– nella ripresa, se pur minima, della Lega Nord che ha, in una sua componente, eroso consensi al M5S;
– nel NON voto dell’astensionista che non è stato convinto dalla comunicazione del M5S.

Perciò il Movimento 5 Stelle deve fare un bell’esame di coscienza partendo, innanzitutto , dall’azzeramento della componente che, in questo ultimo anno, si è mostrata completamente fallimentare a livello nazionale, ossia la COMUNICAZIONE di Camera e Senato affidata a Messora & C. (gruppo , ricordiamolo, calato dall’alto da Casaleggio e Grillo).

Bisognerebbe quindi, a mio umile avviso:

– ripartire dalle esigenze e dalle criticità dei singoli territori cercando di stimolare e coinvolgere, maggiormente, la popolazione locale ad una forma di “cittadinanza attiva” veicolata nei relativi MEETUP che, ovviamente, non devono essere intesi o confusi come “novelle” sezioni di partito ma, esclusivamente, luoghi di confronto, studio, denuncia e proposta.

– completare il percorso verso la “democrazia diretta” svincolandola, il prima possibile, dal blog di “Grilleggio”;

– rafforzare il confronto ed il dialogo tra la base ed i portavoce M5S eletti nelle istituzioni tramite un sito web nazionale che consenta una interazione maggiore rispetto a quella che, attualmente, permette il blog nazionale;

– consolidare la funzione comunicativa dei portavoce che, gradualmente ma inevitabilmente, dovranno affrancare quella dei fondatori Grillo e Casaleggio al fine di far percepire agli elettori la presenza di una prevalente componente democratica e moderata in seno al movimento.

In conclusione, se pur “amareggiato” da una speranza infranta, ritengo che ora il M5S potrà ripartire più consapevole delle proprie reali forze al netto di quel consenso di “protesta” che non ha mai compreso , ne mai forse comprenderà, la vera filosofia su cui si basa il movimento, ossia la PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI !

Quindi prendiamola… con filosofia … e per gli amanti degli slogan … “RIPARTIAMO NOI !” 😉
Gianbo

p.s. (1)
… non bisogna mai infierire … ma ragasssi , visto il risultato ottenuto da FdI a Latina, posso dire almeno: “MAIETTA & C. STATE SERENI !”

p.s. (2)
… ieri, presso i seggi dove mi trovavo (ben 7), ho notato un’assenza “curiosa” dei Rappresentanti di Lista del PD (+/- L) … erano proprio convinti di vincere o … ?!?

Potrebbe Interessarti

Posted on 26 maggio 2014, in Blog and tagged . Bookmark the permalink. 2 Comments.

  1. massimiliano la mantia

    Coraggio. Ripartire dal territorio e dalla realtà locale è la giusta azione per riconquistare la cittadinanza.
    Seguiamo le denunce delle affissioni abusive ed assicuriamoci che questa volta le multe vengano pagate.
    Iniziamo a sviluppare il programma per le prossime amministrative. C’è tempo ma non troppo.
    Abbiamo perso il voto di protesta, è vero, ma i voti che abbiamo preso adesso sono quelli delle persone convinte nella bontà dell’azione politica del m5s.
    Il tempo è dalla nostra parte. Sono daccordo con lo svincolarci da grillo e casaleggio, gradualmente ma si deve fare. Grillo è così non puo cambiare. Ha il grande merito di avere creato questo capolavoro ma adesso è tempo che andiamo avanti da soli. Il ruolo ambiguo di Casaleggio non è stato chiarito a sufficenza, la comunicazione ha fallito in alcuni episodi cruciali. Abbiamo persone in gamba in parlamento che possono sostenere i rapporti con l’esterno. Forza ragazzi!

  2. Fernando Bassoli

    Purtroppo abbiamo avuto conferma che oggi in politica non conta tanto cosa proponi ma come lo proponi. E’ sbagliato, certo, ma gli italiani sono lobotomizzati da decenni di spazzatura televisiva che hanno azzerato il loro spirito critico. Non hanno alcuna intenzione di fare “rivoluzioni” per salvare il futuro di figli e nipoti ma solo di trovare l’aspirapolvere al miglior prezzo o trovare il discount dove fare la spesa settimanale risparmiando 10 Euro. E’ un quadro troppo nero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *