Blog Archives

Comunicato n.3 del MU “I Grilli e le Cicale di Latina”

* * * * * COMUNICATO * * * * *

GLI ATTIVISTI IN QUESTI ANNI HANNO FATTO LA LORO PARTE ORA TOCCA AI CITTADINI FARSI SENTIRE. INVIA ANCHE TU UNA EMAIL SE VUOI IL M5S A LATINA

Nella serata di ieri (18 marzo 2016), gli attivisti del Meetup 256 “I grilli e le cicale di Latina” hanno appreso, con profonda delusione, che lo staff nazionale del M5S non concederà la certificazione a nessuna delle 3/4 liste civiche che in questi mesi ne avevano fatto richiesta per concorrere, con il simbolo del Movimento, alle prossime elezioni amministrative di giugno.
Il diniego alla certificazione non è stato indirizzato ai “portavoce” delle varie liste ma è stato pubblicato, come già avvenuto in passato, al termine di un post pubblicato sul blog di Beppe Grillo al seguente indirizzo:

http://www.beppegrillo.it/2016/03/i_candidati_sindaci_del_movimento_5_stelle_nei_capoluoghi.html

Il M5S non cerca “scranni” da occupare militarmente come fanno gli altri partiti ma punta a una rivoluzione culturale che coinvolga i cittadini dal basso.
Il M5S è per la democrazia diretta senza intermediari, capi bastone, segretari comunali, provinciali, regionali o nazionali.
Il M5S si compone di “portavoce” che hanno l’obbligo morale e politico di rappresentare le istanze dei cittadini, dei comitati di quartiere, dei comitati civici e delle associazioni.
Molti cittadini, in questi anni, a Latina, ci hanno creduto e si sono spesi per il proprio territorio investendo, in maniera disinteressata e profondamente altruistica, tempo e risorse personali. Questi cittadini si sono messi in “gioco” con gli strumenti e con i metodi di partecipazione suggeriti a livello nazionale.
Perfetti sconosciuti sono diventati attivisti di un movimento politico e si sono coordinati attraverso i Meetup dando vita a incontri, iniziative, eventi, convegni, denunce e proposte.
Il tutto ben documentato all’interno delle pagine proprio di quei Meetup che, essendo un social network e non una sezione di partito, possono essere aperti e gestiti da chiunque ma secondo uno spirito di partecipazione e condivisione.
Questa libertà, purtroppo, oggi sembra essere divenuta un boomerang verso chi ha sempre impiegato tale strumento di partecipazione in maniera onesta e trasparente, al fine di coinvolgere sempre più cittadini in una battaglia civico-politica comune ma condotta con modalità pacifiche e democratiche.
Oggi, invece, c’è la prova che chi vuole contrastare la crescita e il radicamento del M5S in un territorio particolarmente critico come quello di Latina dove il M5S, secondo alcuni sondaggi, raccoglie consensi tra il 15 ed il 20 per cento, lo può fare aprendo tranquillamente un Meetup e/o inviando una richiesta di certificazione di una lista elettorale costituita a tavolino come fanno i peggiori partiti o le liste civiche civetta.
Latina ha bisogno di una lista a 5 stelle.
I cittadini vogliono votare per il M5S.
È per questo che gli attivisti del primo Meetup di Latina (sia per numero di iscritti che per storia), dopo che per mesi hanno provato a creare le condizioni di una lista unica ricevendo in cambio, nel migliore dei casi, solo indifferenza, rimangono perplessi circa una decisione che mette in discussione proprio uno dei principi cardine del movimento: la DEMOCRAZIA DIRETTA.
È per questo che ci chiediamo il motivo per cui a Trieste (anche in altri comuni) si è proceduto con una votazione sul portale nazionale per far decidere agli iscritti al movimento, residenti nel relativo capoluogo, il nome di uno tra i due portavoce selezionati dai relativi Meetup.
Se si crede nella democrazia diretta, la si deve applicare senza distinguo. A Latina, gli iscritti al portale nazionale non potranno esprimere la propria scelta. I cittadini di Latina non potranno avere una lista del M5S con cui rapportarsi e insieme alla quale iniziare un percorso di confronto e un proficuo e radicale miglioramento del territorio; la nostra è una città stuprata da una classe politica inetta, autoreferenziale e in certi casi vicina a soggetti appartenenti a famiglie criminali che ancora oggi movimentano consensi elettorali.
In queste ore riceviamo dai cittadini continue richieste di spiegazione, solleciti a non mollare, incentivi a far giungere ai portavoce regionali e nazionali considerazioni di disapprovazione per una scelta che non può essere accettata in maniera accondiscendente senza un seria riflessione e valutazione della posta in gioco.
Il Meetup 256 non vuole accreditarsi agli occhi di nessuno (non reclama il suo diritto alla certificazione a discapito di altri) ma chiede semplicemente che sia data la possibilità agli iscritti al portale nazionale di esprimersi selezionando la lista/portavoce ritenuta/o più credibile, alla luce del lavoro svolto sul territorio tramite i propri attivisti.
Chi vuole saperne di più ne ha le possibilità, poiché i Meetup devono essere trasparenti e documentare attraverso le proprie pagine e canali web le iniziative civiche a essi riconducibili.

È per questo che invitiamo tutti i simpatizzanti e cittadini di Latina che credono nel M5S a inviare una email allo staff nazionale e ai vari portavoce (regionali e nazionali) in cui venga chiesto un ripensamento e la possibilità di votazione sul portale nazionale come già avvenuto in altre circostanze per altre liste.
Latina non può non avere una lista M5S. Qualunque essa sia.
La DEMOCRAZIA DIRETTA o la si applica sempre o viene meno il principio più importante di un movimento che si dice “dal basso”.

Dunque cittadini/simpatizzanti/attivisti interessati possono inviare una email ai nostri portavoce e allo staff nazionale M5S ai seguenti indirizzi di posta elettronica:

Continua a leggere

Domenica 27 – Scegli il tuo Portavoce Sindaco

Banner-votazione

Sabato 19 Dicembre 2015 il Meet Up “I Grilli e le Cicale di Latina” ha selezionato gli aspiranti Portavoce Sindaco. Alla votazione hanno potuto partecipare gli iscritti di tutti i Meetup di Latina (alla data del 31-05-2015). I nominativi, in ordine di preferenza, sono risultati essere quelli di Bernardo Bassoli e Pasquale Palmisano.

Il Meet Up invita tutti i cittadini maggiorenni, con residenza a Latina e provincia, a esprimersi attraverso il voto in piazza che suggellerà la scelta del Candidato Portavoce Sindaco per la lista che si appresta a richiedere la certificazione come Movimento Cinque Stelle, propedeutica alle elezioni amministrative del 2016.
Si potrà votare domenica 27 dicembre in Corso della Repubblica, di fronte al Monte Paschi di Siena, presso il nostro gazebo dalle ore 10 alle 20 muniti di un documento d’identità valido attestante la residenza.

Partecipa e esprimi il tuo voto!

Comunicato n.2 del MU “I Grilli e le Cicale di Latina”

AMMINISTRATIVE 2016

Facendo seguito al comunicato del 26 Novembre scorso (leggi qui), si rende noto che il MU 256 “I Grilli e le Cicale di Latina” ha avviato il percorso verso la formazione della lista civica che chiederà la certificazione e l’uso del simbolo del Movimento 5 Stelle a Latina.

È stata inviata infatti agli/le iscritti/e di tutti i Meetup di Latina la comunicazione con le modalità per presentare la propria candidatura, secondo il regolamento votato in Assemblea Generale il 24 Ottobre. Se qualcuno degli iscritti non avesse ricevuto la email può scrivere a [email protected] o contattarci sul sito latina5stelle.it (http://www.latina5stelle.it/contattaci/).

☆☆☆☆☆

Ricordiamo inoltre il link per l’iscrizione al Movimento 5 Stelle:
http://www.beppegrillo.it/movimento/iscriviti.php.
Tale iscrizione permette di usufruire di tutti i servizi disponibili sul portale nazionale del MoVimento 5 Stelle, tra cui la possibilità di partecipare alle votazioni indette sul portale stesso.

Comunicato del MU “I Grilli e le Cicale di Latina”

A tutti/e gli/le iscritti/e e simpatizzanti pontini/e del Movimento 5 Stelle

A fine agosto, i due principali Meetup di Latina (per numero di iscritti) – “I Grilli e le Cicale di Latina” (fondato il 26 agosto 2006) e “5 Stelle Latina in Movimento” (fondato il 31/01/2015) – hanno deciso, di comune accordo e previa assemblea congiunta, di organizzare un incontro con i due consiglieri del M5S di Pomezia (Giuseppe Raspa e Federica Mercanti) i quali, precedentemente, e in occasione di altro e diverso incontro pubblico (furono invitati per parlare della loro esperienza come amministratori del primo Comune 5 Stelle nel Lazio), si erano offerti, in via informale e senza la pretesa di dettare la linea politica, di stilare un regolamento per i criteri di candidatura e gli aventi diritto al voto per la scelta della lista da presentare allo staff del Movimento 5 Stelle.

In ragione delle prossime elezioni amministrative 2016 con il fine di presentare una lista 5 stelle nel Comune di Latina ed evitare litigiosità nella composizione della medesima, gli iscritti dei due meetup hanno ascoltato le proposte dei due portavoce/consiglieri comunali pometini che hanno assunto, di fatto, il ruolo di regolatore esterno scevro da ogni possibile faziosità.

Il MU “I Grilli e le Cicale di Latina” era convinto di accettare la “Pomezia” (la chiamiamo così per sintesi) anche in virtù del ragionevole avvertimento dei due consiglieri: nel caso in cui si fosse provato a emendare la proposta, si sarebbe perso molto tempo in sospetti di partigianeria dell’una o dell’altra parte.
Tenuto conto delle perplessità del meetup “5 Stelle Latina in Movimento” nei riguardi della “Pomezia”, si è deciso di formare un coordinamento tra i due meetup, composto dagli staff organizer dei rispettivi, in modo tale da trovare una quadratura del cerchio ed emendare la “Pomezia”.   Continua a leggere

#iostoconlantipolitica

Ormai la campagna elettorale per le prossime elezioni amministrative di Latina è entrata nel vivo.

I principali quotidiani locali sono ben attenti a redigere articoli tesi ad analizzare, accuratamente, le dinamiche interne ai partiti o alla selva di liste civiche (o presunte tali), i candidati sindaci, le relative formazioni pronte a “scendere in campo” (termine sempre alla moda nell’ambito politico), le contraddizioni, le criticità come anche i possibili punti di forza.

Tutto legittimo, tutto regolare, i lettori devono sapere, i lettori devono essere informati.

Gli articoli sono, ovviamente, legati alla professionalità ed alla valutazione soggettiva dei relativi autori e, dunque, possono essere più o meno approfonditi, più o meno pungenti, più o meno irriverenti, più o meno critici, più o meno distaccati, più o meno partigiani.

In questo contesto elettorale il M5S Latina non ha ancora selezionato alcun candidato sindaco, ne una lista di candidati consiglieri ad esso collegati, ne pubblicato il proprio programma.

Eppure c’è chi non potendosi riferire ad una lista “pentastellata” che ancora non c’è punta la sua critica preventiva sul M5S in quanto tale.

M5S e l'antipoliticaInfatti, come si evince dall’articolo di Latina Oggi pubblicato ieri a pagina “3”, la differenza tra il Movimento 5 Stelle e Latina Bene Comune è nei toni poiché il primo esalta l’antipolitica mentre Coletta (candidato sindaco di LBC ed ex presidente dell’associazione Rinascita Civile) punta sulla buona politica “quella che parte dalle regole, che si basa sulla trasparenza, sulla competenza, sull’interesse per la collettività, sull’etica della responsabilità e dei comportamenti, sulla partecipazione e la condivisione con i cittadini”.

Come non condividere queste argomentazioni?   Continua a leggere