Blog Archives

Il verde pubblico e le anomalie climatiche a Latina

Anomalie climatiche: questa sembra essere la ragione per la quale Latina ha assunto le sembianze di quella New York immaginata dal film di Francis Lawrence “Io sono leggenda”.
La logica spinge però verso un’altra risposta: impreparazione. Un sostantivo che si accosta perfettamente all’amministrazione attuale che, dopo aver la propria inadeguatezza con i provvedimenti temporanei che vedevano affidati i parchi e le aree verdi ai gruppi dei volontari della Protezione civile (modello Tiero, in arte Tierolaso), a cui andranno 11.500 euro di rimborso spese, e le aree scolastiche ai giardinieri comunali, ha optato per due affidamenti diretti (ricordandoci i fasti dell’amministrazione Di Giorgi e dell’assessore Cirilli): aree a verde pubblico dei quartieri Nuova Latina e Nascosa andranno alla ditta Vivai Fiorita srl e la zona del centro alla Vivai Capuani, per un totale di 25 mila euro. Una determinazione, peraltro, che non specifica le aree e i mq dei due quartieri di Latina. Ennesima dimostrazione di carenza tecnica è la mancanza di una gara d’appalto per il verde aperta per tempo e non per rimediare a una situazione che è diventata di emergenza a causa dei ritardi. La fase più recente vede l’apertura delle buste con la ricezione di 36 offerte distribuite su 3 lotti di 80 giorni per un totale di 237 mila euro (decisamente pochi per gli ettari di competenza comunale. L’aggiudicazione dovrebbe definirsi entro 10 giorni e l’affidamento del servizio concludersi in estate piena. 

a cura di Francesco Martello, attivista meetup 256 “I Grilli e le Cicale di Latina”

COLETTELLI E L’AUTOSTRADA ROMA-LATINA

Domani, 29 aprile, alle ore 17,30 in Piazza del Popolo a Latina, è annunciata una tavola rotonda dal titolo: “Infrastrutture e sviluppo: Roma-Latina, un’opera necessaria”. La tavola rotonda avrà luogo nell’ambito della tre giorni organizzata dal sindacato Ugl. Alla tavola rotonda parteciperanno il sindaco di Latina Coletta, il sindaco di Aprilia Terra, il consigliere regionale-comunale Forte, il consigliere regionale Malcotti (il sostituto in Regione Lazio di Luca Gramazio, per il quale i magistrati, ieri, hanno chiesto 19 anni di reclusione nell’ambito di Mondo di Mezzo/Mafia Capitale) e altri.
A questa tavola rotonda ci sono due convitati di pietra: il primo è una voce contraria all’opera (magari qualcuno del Comitato No Corridoio Roma-Latina) che, invece, viene definita apoditticamente “necessaria”, accostando le parole infrastrutture e sviluppo quando, invece, persino la Commissione europea ha definito lo sviluppo dei trasporti in direzione di ferro e fiumi. Però ai signori il necessario sembra essere rappresentato da un’opera finanziariamente, economicamente e ambientalmente disastrosa, con l’aggiunta di danni erariali già certificati e conclamati, per cui nessuno ha pagato a causa della sempre viva ancora di salvataggio della prescrizione (della quale ormai i maggiori esperti non sono i togati ma i delinquenti di strada).
Il secondo convitato di pietra è rappresentato dal coraggio e dalle decisioni mancanti dei sindaci Coletta e Terra che in mesi non sono riusciti a esprimere un atto di indirizzo, a differenza dei comuni di Roma, Pomezia e Ardea, che certificasse la loro contrarietà all’opera. Coraggio e decisioni mancanti che investono anche i consiglieri comunali che dovrebbero essere rappresentanti del popolo ma che, almeno a Latina, non portano un atto in consiglio nemmeno se casca il mondo. Un problema strutturale che investe il funzionamento della democrazia poiché un Comune non è formato solo da una giunta in cui decidono in pochi ma è il prodotto delle azioni politiche dei consiglieri che dovrebbero portare avanti le battaglie dei cittadini al di là dei propositi della propria giunta di riferimento
Il sindaco Coletta, mesi fa, nell’ambito dell’assemblea tenutasi al Comune di Latina, su spinta del Comitato No Corridoio Roma-Latina e del Nodo di Latina, aveva promesso un tavolo di confronto con tutti i sindaci dei comuni interessati dall’opera: MAI PERVENUTO. Eppure non stiamo parlando dei vasi di fronte al mercato o di polemiche sterili quali i fiori a Palazzo M. Stiamo parlando di un’opera su cui ballano 3 miliardi di Euro, un ammontare simile al bando di gara più discusso degli ultimi mesi: l’affaire Consip.
Deduciamo che i due sindaci Coletta (in versione Colettelli) e Terra sono favorevoli all’autostrada.
Spiegassero ai cittadini i loro motivi perché finora hanno galleggiato per non dire niente.

p.s.: al Comune di Latina e al Comune di Aprilia sono state protocollate dai gruppi locali legati al No Corridoio Roma-Latina/Nodo di Latina due bozze di delibera sulla scorta di quella votata a Roma dal Consiglio capitolino nell’ottobre del 2016, c’è qualche consigliere comunale disposto a tradurre questo documento in un atto da discutere democraticamente nelle rispettive assise?

Il caso Ciccarelli/Forlenza

Premesso che non vi fossero molte possibilità perché l’assessora rispondesse alla richiesta di chiarimento in base alle sue dichiarazioni di luglio 2016 (in merito al proscioglimento del marito/imprenditore Forlenza dall’inchiesta Mondo di Mezzo/Mafia Capitale), si può affermare, ad ora, che la delegata alle Politiche di Welfare e Partecipazione, Pari opportunità del Comune di Latina, Patrizia Ciccarelli, ha mentito, o ha omesso, o era inconsapevole riguardo a ciò che ha detto sul coinvolgimento di suo marito nello scandalo Mondo di Mezzo/Mafia Capitale. Che poi sia peggio la menzogna, l’omissione o l’inconsapevolezza per la credibilità di un assessore di un ente comunale lo stabiliranno i cittadini.

Dichiarare il coniuge prosciolto dall’inchiesta capitolina è stato un errore, sebbene non si voglia rappresentarlo come tale e si preferisce l’indifferenza a un desiderio di trasparenza. Non proprio il “non plus ultra” per un’amministrazione, quella attuale, che si prefigge di seguire la stella polare delle chiare scelte nei confronti del cittadino. Ad ogni modo, senza il rischio di essere apodittici, così è stato.

Il caso della menzogna, o dell’omissione, o della inconsapevolezza, che a una lettura emotiva e superficiale potrebbe essere derubricato a fatto privato, è invece piuttosto spinoso, sopratutto pubblico e indubbiamente non trascurabile. Senza contare che, mesi fa, una volta trattato da alcuni organi di stampa locale, ha causato le risposte piccate del duo Ciccarelli/Forlenza: dove l’assessora si rivolgeva con sdegno, quasi da lesa maestà, dimostrando, a suo dire, la totale estraneità ai fatti del marito, il medesimo, invece, predisponeva azioni civili per danni rivolte alla stampa locale.
Continua a leggere

Latina una città poco accessibile

barriere architettoniche

Molte persone diventano disabili o lo sono già dalla nascita, invece naturalmente tutti si diventa anziani

Molti sono i quartieri della città, compreso il litorale di Latina, che hanno carenze sostanziali e normative nelle strutture di accesso per le persone diversamente abili.

Latina è un esempio di cattiva amministrazione e a farne le spese sono i disabili e gli anziani che devono vedersela tutti i giorni con numerose barriere architettoniche dal centro città alla periferia. Numerosi gli attraversamenti pedonali poco fruibili da persone che si muovono sulla sedia a rotelle o con ridotta mobilità, una situazione dovuta senza dubbio alla scarsa sensibilità o alla poca lungimiranza dei vari dirigenti comunali e dei tecnici che, a vario titolo, sono intervenuti nella realizzazione delle opere di viabilità che dovevano sopperire alle barriere architettoniche adeguando strade, marciapiedi, strutture e palazzi pubblici. Ci sono ancora molti marciapiedi senza scivoli, le strisce pedonali spostate di diversi metri rispetto alle rampe di discesa, cunette e dossi che non si raccordano con i marciapiedi e che diventano pericolose, costringendo gli ipovedenti, i disabili e gli anziani a evitare la rampa di discesa e utilizzare la strada mettendosi in una situazione di rischio. Per non parlare dei pali della luce, dei cassonetti, delle paline e tabelle che limitano i passaggi e sono da intralcio a carrozzelle e pedoni.

INTERVISTA AL SINDACO DAMIANO COLETTA

Latina 5 Stelle magazine Movimento 5 stelle Latina Cinzia David barriere architettoniche

Programma di adeguamento per accesso ai disabili sul lido di Latina

Queste e altre problematiche sulle barriere architettoniche sono state sottolineate durante l’intervista, tenutasi la mattina del 30 agosto 2016, da parte di “Latina 5 Stelle Magazine” al sindaco Damiano Coletta e a Gianfranco Buttarelli che riveste l’incarico di assessore all’urbanistica con delega alla Viabilità nell’attuale amministrazione di LBC – purtroppo, l’assessore, all’ultimo momento, non si è reso disponibile e a rispondere alle domande era presente il sindaco.

Damiano Coletta ha dichiarato che la soluzione alle problematiche delle barriere architettoniche è un argomento prioritario. L’amministrazione ha già stilato un programma di adeguamento delle passerelle per accesso ai disabili sul lido di Latina e pensano, nel frattempo, di utilizzare il sostegno degli sponsor.

Per quanto riguarda i vecchi soldi stanziati e, forse, spesi dalle passate amministrazioni per i lavori sul lido, viene chiesto al sindaco lo stato dell’arte sul completamento dei lavori sul lungomare nel tratto Foce Verde-Capo Portiere, per la riqualificazione e la realizzazione di servizi con accesso agevolato ai disabili sulle spiagge libere, anche alla luce del fatto che a Latina erano stati destinati in passato 2.230.400 Euro dal 2007 e un’altra tranche nel 2009/ 2011 di circa 1.995.150 Euro (finanziamento regionale). Alla domanda, il sindaco ha risposto che fino a ora hanno già sollevato tanti coperchi dai quali, ha confermato, sono usciti molti dei gravi problemi del sistema delle vecchie amministrazioni, mentre sulla destinazione d’uso dei tanti milioni di euro stanziati in passato ha dichiarato di non saper rispondere. La sua giunta, ribadisce il sindaco, però ha un piano già inserito nelle linee programmatiche e quanto prima sarà divulgato anche nel documento programmatico: “In base a un dossier, che un’associazione ha già completato, intendiamo mettere a norma questa città rispetto alle barriere architettoniche”. Aggiunge che, insieme all’assessore Buttarelli, ha già preso un accordo per un incontro con l’architetto Fabrizio Crispo di Roma.

Latina 5 Stelle magazine Movimento 5 stelle Latina Cinzia David barriere architettoniche

 

Accessi al mare e comitati di quartiere

Nel voler spiegare l’intenzione del Comune sugli accessi al mare, il sindaco ha risposto che le passerelle sono fatiscenti e nelle scorse settimane è stato vietato laccesso ad alcune delle discese per motivi di sicurezza. Sugli stanziamenti delle risorse economiche per i lavori di adeguamento delle passerelle, l’amministrazione è a conoscenza che i lavori non sono stati fatti dalle ditte incaricate delle opere e ha dichiarato di voler portare chiarezza, auspicando il rispetto per i cittadini e rinnovando l’impegno del Comune per un diverso rapporto tra amministrazione e città.

Attiverà, sostiene Damiano Coletta, i comitati di quartiere per una comunicazione più diretta tra la amministrazione e i cittadini, in modo da evitare la personalizzazione della politica dove il politico diventa il depositario delle istanze.

 

Barriere al centro città e trasporto pubblico locale (TPL)

Quando si parla di disabilità la intendiamo a 360°, risponde il primo cittadino, e l’intento sarà quello di occuparsi di tutte le barriere architettoniche, comprese le barriere sensoriali. Alla domanda sull’accesso dei disabili al TRASPORTO PUBBLICO LOCALE (TPL), Coletta ricorda il bando che l’attuale amministrazione ha dovuto bloccare al fine di prendere in considerazione tanti altri aspetti.

 

RIFLETTENDO SU QUESTI TEMI CON SENSO CIVICO A 5 STELLE

Il problema più avvertito e di dimensioni sicuramente macroscopiche è quello dellaccessibilità alle strutture e ai luoghi pubblici per le persone con disabilità motoria e difficoltà sensoriale.

La vera rivoluzione sarebbe quella di coinvolgere attivamente la cittadinanza, oltreché le associazioni e le società che si occupano di sociale, non solo attraverso la pubblicazione dei bandi di gara, ma sopratutto nella fase di realizzazione delle opere stesse. Latina5Stelle Magazine vigilerà al fine che questa amministrazione dia seguito alle promesse fatte durante la campagna elettorale e ribadite anche nel corso di questa breve intervista.

 

Una volta strutturata la città a misura di chi in qualche modo è più visibilmente svantaggiato, pensate voi quanto sarà più avvantaggiato chi cammina con le proprie gambe.

Latina liberata?

Questo scritto è la versione integrale dell’articolo richiesto e pubblicato da Il Giornale di Latina in data 21-06-2016.

Tempo fa più di qualcuno pensò che Latina fosse stata liberata. Era il 2013, il Movimento aveva raggiunto un risultato clamoroso alle Politiche e quel famoso 25% aprì la porta alla stagione del 5 Stelle nelle più alte Istituzioni del Paese.

Fu un canto liberatorio, la presa di coscienza che i cittadini potessero avere finalmente un punto di riferimento cui fosse facile riconoscersi senza il disgusto di dover sottostare e sottacere rispetto a logiche partitiche, con tutte le nauseabonde “doti” del caso.

Oggi, nel giugno del 2016, molti cittadini pensano che Latina sia stata finalmente liberata e, del resto, è ciò che ha esclamato Damiano Coletta sindaco, simbolicamente con alle spalle il municipio e davanti una folla emozionata.

L’entusiasmo ricorda molto quello del 2013, c’è lo stesso senso di rivalsa e, per l’appunto, liberazione: i vecchi catenacci sono stati sostituiti, le nuove generazioni finalmente vengono riconosciute sotto la spinta di una coalizione civica non legata ai vecchi organismi dirigenziali.

Questa è stata la percezione che ha reso la vittoria di Coletta, iniziata, senza nulla togliere allo sforzo e al valore delle liste civiche messe in campo, a fine marzo del 2016, quando il blog di Beppe Grillo sancì la mancata certificazione di una lista 5 Stelle a Latina.

A quel punto, la coalizione di Coletta ha saputo convergere le forze e ha potuto far risaltare ancor di più le qualità della sua azione che vale di per sé, ma che, ad essere onesti intellettualmente, non avrebbe avuto lo stesso megafono in città se a concorrere ci fosse stato il Movimento.

E sì perché, tolto il Movimento, Coletta e LBC sono diventati il sostitutivo baluardo contro i soliti noti che, ad essere altrettanto onesti intellettualmente, non ne hanno azzeccata una presentando nelle loro fila facce e programmi che avevano il sapore stantio del già vissuto, pur tentando in forme minime di proporre qualche volto diverso che, purtroppo, è stato fagocitato dal coletta sindaco1sentire che attualmente offrono i partiti tutti.

Non si taccerà il presente scritto di pedanteria se chi scrive indulge ad accostare le sorti di LBC e il nuovo sindaco con quelle del Movimento, perché i due destini sono paralleli sebbene, chiamati al bivio, gli uni hanno imboccato la strada del successo e l’altro è miseramente caduto nel gorgo del fallimento. Ma, in quel giardino dove i sentieri si sono biforcati, è scritta la storia di queste elezioni.

Non solo una questione di preferenze che, come nei vasi comunicanti, sono confluiti da una parte verso l’altra (Coletta ha ottenuto preferenze anche dal mondo del PD; il Movimento avrebbe ottenuto voti da ogni ambito politico); non solo una questione di lessico e concetti (si vedrà in futuro se LBC li abbia intesi per essere applicati) mutuati dal Movimento 5 Stelle e dai meetup – condivisione, partecipazione, onestà, trasparenza: principi vecchi come il mondo si dirà, ma riproposti prepotentemente dal Movimento sin dalla fine degli anni Zero assorbendo tutte le accuse di populismo e demagogia che un terreno scivoloso come il consenso popolare comporta; è stata, invero, un’affinità elettiva (si perdoni il gioco di parole) della Storia che ha premiato chi c’era e ha emarginato l’acuta e già dimenticata assenza. Una Storia provinciale, qualcuno potrà obiettare, ma pur sempre la Storia di Latina. Continua a leggere