Blog Archives

Assessora Patrizia Ciccarelli: inconsapevolezza o omissione?

In tempi di fake news, anche Latina ha le sue gatte da pelare. In questa occasione, però, i responsabili non sono i media o i siti di informazione ma un assessore del Comune di Latina, nella fattispecie un’assessora (così ama essere chiamata). Qualche mese fa, a luglio del 2016, l’assessora alle “politiche di welfare, partecipazione e diritti sociali, politiche sociali e famiglie”, Patrizia Ciccarelli, rilasciò un’intervista a ilcaffè.tv in cui dichiarava: “Mio marito è stato prosciolto, fa solo comodo pensare che io abbia una mano lunga e che sia stata messa al Comune di Latina per chissà quali scopi. Questa esperienza ha portato dolore, anche a me. C’era un cialtrone alla guida di Mafia Capitale che ha utilizzato dei canali per delinquere. Se uno volesse riflettere davvero su questa vicenda capirebbe che proprio per evitare situazioni del genere c’è bisogno di una pulizia all’interno dei Comuni, come ha fatto Latina”. Come noto, il marito dell’assessora è l’imprenditore Salvatore Forlenza, vicino da sempre al mondo delle cooperative rosse, che oltre ad essere coinvolto in Mafia Capitale, è stato imbeccato dalle cronache qualche mese fa per un’indagine che ha visto la polizia di Latina sequestrare i locali in cui si trova la sua società Cosmopolitan in via Degli Osci. Il sequestro preventivo ha interessato il piano terra della palazzina realizzata con fondi regionali e rientrante (o almeno sarebbe dovuta rientrare) nelle disponibilità del Comune di Latina. La società Cosmopolitan di Salvatore Forlenza si sarebbe “appropriata” della parte interessata dal sequestro e lo stesso Forlenza avrebbe subaffittato ad un’altra società per un’euro al mese i locali. Reati ipotizzati: truffa ai danni del comune, falso ideologico, occupazione e usurpazione di proprietà comunale. Questa notizia dell’11 novembre 2016 fu spazzata via dallo scandalo Olimpia che ha visto coinvolti Di Giorgi, Maietta and Co. Invero, la dichiarazione di luglio dell’assessora, che non è responsabile delle azioni del marito, ma lo è in merito a ciò che dice, è falsa. Il proscioglimento di suo marito dall’indagine di Mafia Capitale, Salvatore Forlenza, non è mai esistito. Per di più, oggi, la gip del Tribunale di Roma Flavia Costantini, chiamata a giudicare sulle 116 richieste di archiviazioni da parte della Procura capitolina per Mafia Capitale, ha respinto la richiesta di archiviazione solo per tre delle 116 richieste. Una delle tre richieste respinte riguarda, per l’appunto, suo marito, l’imprenditore Salvatore Forlenza.

Delle due l’una: l’assessora Ciccarelli non sapeva oppure ha mentito.
È opportuno un chiarimento da parte dell’assessora, si spera che arrivi quanto prima.