Blog Archives

Il verde pubblico e le anomalie climatiche a Latina

Anomalie climatiche: questa sembra essere la ragione per la quale Latina ha assunto le sembianze di quella New York immaginata dal film di Francis Lawrence “Io sono leggenda”.
La logica spinge però verso un’altra risposta: impreparazione. Un sostantivo che si accosta perfettamente all’amministrazione attuale che, dopo aver la propria inadeguatezza con i provvedimenti temporanei che vedevano affidati i parchi e le aree verdi ai gruppi dei volontari della Protezione civile (modello Tiero, in arte Tierolaso), a cui andranno 11.500 euro di rimborso spese, e le aree scolastiche ai giardinieri comunali, ha optato per due affidamenti diretti (ricordandoci i fasti dell’amministrazione Di Giorgi e dell’assessore Cirilli): aree a verde pubblico dei quartieri Nuova Latina e Nascosa andranno alla ditta Vivai Fiorita srl e la zona del centro alla Vivai Capuani, per un totale di 25 mila euro. Una determinazione, peraltro, che non specifica le aree e i mq dei due quartieri di Latina. Ennesima dimostrazione di carenza tecnica è la mancanza di una gara d’appalto per il verde aperta per tempo e non per rimediare a una situazione che è diventata di emergenza a causa dei ritardi. La fase più recente vede l’apertura delle buste con la ricezione di 36 offerte distribuite su 3 lotti di 80 giorni per un totale di 237 mila euro (decisamente pochi per gli ettari di competenza comunale. L’aggiudicazione dovrebbe definirsi entro 10 giorni e l’affidamento del servizio concludersi in estate piena. 

a cura di Francesco Martello, attivista meetup 256 “I Grilli e le Cicale di Latina”

Er monnezza e Tierolaso

La crisi di Latina Ambiente è stata creata dalla politica pontina. Diverse generazioni di politici hanno nominato la classe dirigente e gestito in maniera clientelare le assunzioni. Dopo la scelta della gara europea in consiglio comunale, i dipendenti della S.p.a. hanno deciso di rallentare le loro funzioni, se non sospenderle completamente.

Come biasimarli? Dopo anni di mammasantissima e capibanda del cortile sempre pronti a dare e promettere, oggi si trovano spiazzati da chi l’ha sedotti e abbandonati, e li lascia alla stregua di non si sa che cosa. Fallire tierolaso4miseramente? Questo è ciò che temono di più, per sé e le loro famiglie. Sulle cronache, la ridda di voci non lascia scampo: pare che Latina Ambiente abbia circa 29 milioni di debiti, e 25 milioni di crediti. Il suo massimo debitore è il Comune di Latina che è anche l’azionista di maggioranza. Il socio privato, Unendo, tace e probabilmente aspetta sul fiume il cadavere.

L’attuale amministrazione di Di Giorgi, Forza Italia e il PD sono i responsabili della monnezza per strada: Di Giorgi e i suoi per non aver gestito per tempo il problema, aver trascinato sino alla fine della scadenza del contratto (2015) una situazione finanziaria da profondo rosso e aver gigioneggiato ventilando loro stessi il fallimento – salvo, poi, fare retromarcia leggendo in consiglio comunale una mozione chilometrica mutuata dal presidente della società Giungarelli, altro personaggio di cui non si conoscono bene le ragioni, tranne quelle di appartenenza politica; Forza Italia e il PD per aver votato una mozione che presuppone una gara europea ad evidenza pubblica al fine di riassegnare il servizio: senza lo straccio di un cronoprogramma, senza la possibilità di comprendere dove si sarebbe potuti andare a cadere: per inciso, si è caduti nella monnezza per strada.

Ciò che è avvenuto nell’ultimo consiglio comunale di Latina, con la mancata discussione della mozione di sfiducia verso il sindaco, è qualcosa di puramente pernicioso. È vergognoso di come offendano l’intelligenza dei cittadini, inventando una fantomatica riunione dal Prefetto che, in burletta, risponde loro che l’emergenza rifiuti non esiste; di rimando i prodi nostri amministratori sostengono che, però, potrebbe materializzarsi a breve. Una sceneggiatura che se fosse stata scritta da Groucho Marx, Totò, Peppino e Buster Keaton avrebbe raggiunto un premio a Cannes o quanto meno al Giffoni Film Festival. Continua a leggere

PLUS Latina e Porto – Incontro al ristorantino “Già Sai” al mare

Mercoledì 25 Febbraio 2015, presso il locale “Già Sai” di Latina Lido, c’è stato un incontro pubblico organizzato e presieduto dal vicesindaco Tiero insieme al sindaco Di Giorgi e all’assessore ai Lavori Pubblici Di Rubbo. L’incontro, aperto alla partecipazione dei cittadini, verteva sul progetto Plus e La Marina di Latina. 

 Il vicesindaco Tiero ha spiegato i vantaggi dei lavori per la Marina di Latina seppur inficiati da qualche disagio e ritardo a causa di alcuni errori in fase progettuale e nella di gara d‘appalto, con particolare riferimento al raddoppio della pista ciclabile da Via del Lido fino a Capo Portiere.

Stando alle dichiarazioni del vicesindaco sembrerebbe che la realizzazione del progetto PLUS sul litorale di Latina sia una manna dal cielo, e che l’amministrazione del Comune di Latina vi abbia investito molto in termini di risorse umane ed economiche. Trascurando il fatto che, quando si parla di risorse economiche, non si deve mai dimenticare che  queste ultime  non sono altro che fondi di denaro versato dai cittadini sotto forma di tributi.

Il Progetto PLUS è comunque, nella realtà, finanziato dalla Comunità Europea insieme alla regione Lazio. Sembra quindi eccessivo assumersi il merito di questa operazione quando l’amministrazione comunale parteciperà con una risibile percentuale di investimenti; eppure questo concetto è stato ribadito più volte anche dal Sindaco Di Giorgi che è intervenuto solo in seconda battuta dopo gli interventi del vicesindaco e dell’assessore.

I tre rappresentanti del Comune di Latina hanno voluto sottolineare, all’unisono, l’attenzione dell’attuale amministrazione verso la riqualificazione e il nuovo sviluppo della Marina di Latina, usufruendo dell’opportunità offerta dal progetto PLUS in continuità con quanto stanziato dalla stessa Regione Lazio anni addietro, per la lotta al fenomeno dell’erosione costiera attraverso ripascimenti delle spiagge e opere a difesa della costa. Veniva da credere che avessero  finalmente riscoperto l’amore per il mare di Latina, sino a quando Tiero si è domandato contrariato perché il Corpo Forestale dello Stato classifichi come duna il territorio su cui si dovrebbero realizzare alcuni progetti del PLUS – in riferimento ai problemi occorsi nel completamento del marciapiede sul lungomare, poiché la duna, a detta di Tiero, ha “invaso” l’area e che, dunque, la stessa è sottoposta a vincolo ambientale(!?!).  Continua a leggere

NIENTE DI PERSONALE

La stampa locale ha dato risalto alla circostanza che nelle liste del PD e del M5S per le prossime elezioni europee non figurano candidati della provincia di Latina.
Non so e non mi interessa per quali ragioni i vertici del PD abbiano deciso in tal modo.
Per quel che riguarda invece il M5S, che io voterò, mi sembra che la scelta dei candidati sia avvenuta in modo assolutamente trasparente e il fatto che tra i quattordici nomi della Circoscrizione Centro, che comprende Lazio-Umbria-Marche-Toscana, non ve ne sia alcuno proveniente dal nostro territorio mi lascia del tutto indifferente.
In una competizione europea, e specialmente in questa competizione europea, quello che conta veramente è l’azione politica che ogni partito o movimento condurrà. Ciò che conta è sapere, ad esempio, se si intenda portare avanti una battaglia per l’abolizione del fiscal compact e per l’adozione degli Eurobond; è conoscere se si voglia chiedere l’esclusione degli investimenti, o quanto meno di alcuni investimenti, dal limite del 3% annuo di deficit di bilancio e se si pensi, ad esempio, di proporre un’alleanza tra le nazioni europee del mediterraneo per una politica comune. Il dare importanza alla conoscenza personale (diretta o indiretta) del parlamentare europeo è caratteristica della vecchia ed insopportabile partitocrazia: fa parte del sistema clientelare per cui, in maniera egoistica, si cerca di essere nelle condizioni di poter chiedere dei piaceri; appartiene a quel mondo maledetto e sciagurato per cui non esistono diritti dei cittadini, ma favori concessi dai potenti.
Ma al di là di queste considerazioni, ce ne è un’altra non meno importante.
Visti i candidati locali alle prossime elezioni europee fa sicuramente più bella figura chi non ne ha. Continua a leggere