Blog Archives

Osservazioni al Piano del Parco Nazionale del Circeo

Con la possibilità di presentare alcune osservazioni al Piano del Parco Nazionale del Circeo, il gruppo di Latina – meetup 256 “I Grilli e Le Cicale di Latina” – ha collaborato con i gruppi/meetup di Pontinia, Sabaudia, San Felice Circeo e Terracina dando vita a un lavoro di confronto e valutazioni.

L’esperienza ci ha portato a prendere visione del progetto dell’Ente che presenta principalmente 4 Relazioni Generali che sviscerano la complessità del Parco del Circeo con un’analisi storica, una sintesi valutativa, un tomo denominato Indirizzi e Azioni e una serie di allegati tecnici che riguardano il territorio, la fauna, la flora ecc.

Come gruppo di Latina ci siamo concentrati su alcuni degli aspetti che ci interessavano di più al fine di tutelare la sostenibilità ambientale e turistica, il rispetto delle norme e delle regole, senza tralasciare alcune osservazioni inerenti a una più concreta calendarizzazione degli interventi che Il Piano, talvolta, non indica concretamente.

Oltre che ad alcuni richiami che evidentemente interessano la città di Latina – Borgo Fogliano, Rio Martino, il monitoraggio delle acque ecc. -, abbiamo nettamente “emendato” una parte del Piano del Parco in cui viene riproposto il Porto di Foce Verde il cui progetto, a cadenza elettorale, spesso viene agitato dai partiti che ignorano o fanno finta di ignorare le pesanti conseguenze erosive che un’opera del genere causerebbe sulle nostre già malandate coste, fiaccando ancor di più le strutture turistiche ricettive della Marina di LatinaContinua a leggere

Quel fresco profumo di libertà che fa rifiutare il puzzo del compromesso

In riferimento agli articoli di stampa pubblicati in data 21 gennaio 2016 da “Il giornale di Latina”, si precisa che il meetup 256 “I Grilli e le Cicale di Latina” non ha nessun tipo di rapporto politico con i tre espulsi dal Movimento 5 Stelle Iannuzzi, Simeoni e Vacciano. È opportuno ricordare che i rapporti politici che intercorrevano erano imperniati sul collegamento tra cittadini e portavoce 5 Stelle e nel momento della decisione personale dei tre relativa alle dimissioni sono cessati definitivamente. È facilmente verificabile poiché nessuna attività parlamentare dei tre è stata avallata e elaborata dal nostro meetup dal momento della loro decisione in poi. Peraltro, nessuno dei tre parlamentari è più iscritto da tempo al meetup 256 “I Grilli e le Cicale di Latina”; tuttavia, è bene precisare che i meetup non sono sezioni di partito e non c’è bisogno di essere iscritti al Movimento 5 Stelle per farne parte.
Per quanto concerne la lista, sono, inoltre, da smentire altrettanto categoricamente qualsiasi tipo di pellegrinaggio per ottenere la certificazione – è curioso che sia indicata Roma come meta poiché come noto è lo staff di Milano che decide sulla certificazione o meno e non il così denominato direttorio -, la supposta tagliola che il meetup 256 avrebbe attuato per impedire a qualcuno di candidarsi – il regolamento che ha permesso la selezione delle candidature e il percorso che ha portato a comporre la lista è noto, pubblico e trasparente – e l’utilizzo improprio del logo.
Dispiace constatare come la nostra presenza sul territorio sia resa evidente per questioni di puro sensazionalismo e, solo poche volte, per il nostro impegno civico teso esclusivamente a rendere Latina una città moderna. Non ci interessano i rumors che vengono messi in campo da non meglio precisati soggetti (non si conoscono le fonti che ispirano questi articoli e nel rispetto dell’esercizio giornalistico neanche ci interessano), ma stiamo mirando esclusivamente al governo di questa città desiderando di essere giudicati sulla base del nostro impegno, delle nostre proposte e delle nostre denunce.
Noi non vogliamo solo vincere le elezioni di Latina, noi vogliamo governare Latina. Per farlo serve una squadra compatta e unita e non una brodaglia di correnti, capi bastone e liste più o meno civiche.
La certificazione garantirà a Latina una lista che mai farà mancare il contatto e la collaborazione con i cittadini. I dischi rotti sui “grillini che sanno solo protestare” sono ormai noti a coloro che seguono il Movimento 5 Stelle e che non si fanno più ingannare da inutili e sterili propagande. Qualunque lista che otterrà la certificazione sarà il Movimento 5 Stelle a Latina e sarà pronta per governare la città. Nel frattempo, continuiamo senza farci distrarre dalle nostre attività civiche le quali, da tempo, sono tese a costruire piani originali e di rinnovamento nel campo dei pubblici servizi, della legalità, dello sviluppo economico ecc.
Siamo consapevoli del disorientamento provocato da questa situazione di tre liste concorrenti e dall’ormai annosa questione delle dimissioni dei tre ex portavoce – utilizzata strumentalmente contro cittadini che mai potrebbero essere influenzati da alcuno poiché liberi e non legati da nessuna gerarchia partitica – ma chiediamo, da cittadini a cittadini, una necessaria pazienza poiché a breve, come detto, ci sarà a Latina una lista del Movimento Cinque Stelle. La lista sarà forte e aspirerà a vincere le prossime elezioni amministrative per restituire alla città “quel fresco profumo di libertà che fa rifiutare il puzzo del compromesso”.

Stati Generali della Scuola a Latina: video, foto, documento finale


Nella scuola e per la scuola, questo lo spirito che si è respirato al liceo “A. Manzoni” di Latina durante gli #StatiGeneraliDellaScuola del novembre scorso. Un evento, organizzato dagli attivisti del M5S di Latina, a cui hanno partecipato un centinaio di persone (insegnanti, personale ATA, consiglieri, dirigenti scolastici, semplici cittadini) provenienti da tutta Italia.

E’ servito qualche mese per la revisione dei resoconti dei Tavoli di Lavoro, presi in carico da attivisti M5S di Latina, Torino, Genova e Verona, e, infine, si è riusciti ad elaborare un documento finale (leggi e scarica il pdf stati_generali_documento_finale), il quale rimarrà a disposizione delle Commissioni Cultura e Istruzione M5S di Camera e Senato e delle amministrazioni che vorranno prendere spunto da queste idee nate da esigenze reali e non politiche.  Continua a leggere