Blog Archives

Il nostro maggio*

Nel Paese in cui colui che ha governato per diversi anni si trova ai servizi sociali, il grottesco ne è lo specifico.

Grottesco e ferocemente distorto è il Paese che ha bisogno di polemiche. Come questa, legittima dal punto di vista della critica giornalistica, assolutamente sgangherata sul versante della politica.

Ebbene, ecco l’oltraggio. Il M5S della provincia di Latina sarebbe scomparso perché, nel prossimo mese mariano, non si presenterà alle elezioni amministrative in nessun Comune pontino e non esprimerà alcun candidato alle Europee.

Accuse che erano state avanzate dalle pagine di Oggi Latina anche da un gruppo chiamato Movimento Libero Iniziativa Sociale.

rosaBen venga maggio ben venga la rosa, diceva il poeta. Parafrasando, ben venga maggio ben venga l’accozzaglia. Quella politica, etica, di idee, persone, capi bastone e porta valori (voti).

Perché così possono essere definite le prossime elezioni dove una pletora di trombati, condannati, lacchè e squali del voto fanno capolino nelle liste amministrative ed europee. Al netto, ovviamente, delle solite e sempre più sparute eccezioni.

Come spiegato un’infinità di volte, non esiste un M5S della provincia di Latina. Il M5S si articola nei diversi meetup siti nelle varie città della provincia che autonomamente decidono se concorrere alle elezioni comunali. Se non lo fanno, peraltro, non è dovuto solo a spaccature interne (come avvenuto nel caso di Aprilia), ma soprattutto perché ciò che è prioritario per il Movimento Cinque Stelle è la partecipazione attiva, l’impegno politico e civico nei riguardi dei grandi temi (dall’energia ai rifiuti, dalla legalità all’economia ecc.), che coinvolgono il territorio, le comunità, il Paese. E in questi campi, i meetup sono vivi e vegeti perché composti da cittadini che si riuniscono nei tavoli di lavoro portando all’attenzione temi e problemi che si traducono in fatti concreti (interrogazioni, interpellanze, proposte di legge parlamentari, regionali ecc.). I meetup sono altresì vitali perché accomunano persone che solo per spirito civico e passione politica scartabellano determine, delibere, bandi di gara pasticciati o sospetti. Insomma, fanno quello che dovrebbe essere di competenza di molti dei nostri rappresentati che pensano, in molti casi, esclusivamente a apparire e presentarsi. Ancora una volta, e in eterno. Continua a leggere