Blog Archives

Trasporto pubblico locale e indagine sulla metro

Trasporto pubblico locale (TpL) e metroleggera. Due questioni scottanti di cui il nostro gruppo civico si è occupato a fondo attraverso azioni di denuncia e proposta.

Riguardo il TpL ricordiamo sia il sondaggio e la relativa analisi pubblicata agli inizi del 2015,
(Rife: https://www.latina5stelle.it/trasporto-pubblico-di-latina-…/ ) sia l’analisi dello “Studio per la riqualificazione del trasporto pubblico locale del comune di Latina”, commissionato al Ce.R.S.I.Te.S (Centro Ricerche e Servizi per l’Innovazione Tecnologica Sostenibile dell’Università La Sapienza) in data 12/05/2014 mediante determina n°838/2014, dell’allora Dirigente Avv. Passanti Francesco, che ha previsto un impegno di spesa di €40 mila euro.

Per non parlare del blitz effettuato da un gruppo di attivisti, il 6 gennaio del 2016, a bordo di un mezzo dell’ATRAL che ha messo in evidenza tutte le carenze di un servizio da tempo allo sbando (Rife: https://www.latina5stelle.it/un-ameno-giro-di-giostra/ )

Dunque ci chiediamo come mai, dopo circa 8 mesi dall’insediamento della giunta Coletta, alla relativa commissione (le cui riunioni hanno un costo) non siano ancora chiare le pessime condizioni in cui versa il TPL locale. Se si fossero documentati prima, anche attraverso i nostri documenti, o se si fossero solo limitati a viaggiare su un mezzo dell’ATRAL, forse, non ci sarebbe stato bisogno di convocare, nella commissione trasporti, una rappresentanza studentesca che, ovviamente, non ha fatto altro che testimoniare una situazione nota da tempo. Per non parlare dei disagi vissuti dalla popolazione studentesca che potrebbero essere sensibilmente ridimensionati se solo si applicassero i correttivi evidenziati nel documento del Ce.R.S.I.Te.S che, probabilmente, è ancora sconosciuto a molti nuovi consiglieri di maggioranza e che, si auspica, trovino spazio nel nuovo bando dei trasporti pubblici.
Continua a leggere

UNA “SMART CITY” E’ POSSIBILE

Studio TPLIl 10 novembre u.s. il Tavolo di Lavoro Mobilità e Trasporti del Meetup 256 ha inoltrato al Servizio Mobilità e Trasporti del Comune di Latina una domanda di accesso agli atti per ottenere, in particolare tra i diversi documenti richiesti, copia dello “Studio per la riqualificazione del trasporto pubblico locale del comune di Latina”, commissionato al Ce.R.S.I.Te.S (Centro Ricerche e Servizi per l’Innovazione Tecnologica Sostenibile dell’Università La Sapienza) in data 12/05/2014 mediante determina n°838/2014, dell’allora Dirigente Avv. Passaretti Francesco, che ha previsto un impegno di spesa di €40 mila euro. Dallo studio in parola (terminato dal Ce.R.S.I.Te.S  nel mese di febbraio 2015), ottenuto in copia il 9/12/2015, si evince come la totale riqualificazione del TPL di Latina sia realizzabile mediante:

  1. l’eliminazione di sovrapposizioni delle obsolete linee perlopiù ridondanti, improduttive e/o poco frequentate dall’utenza cittadina;
  2. la riduzione complessiva del numero delle linee ma contestuale aumento delle corse di quelle ritenute strategiche al fine di incentivare l’uso del trasporto collettivo;
  3. l’accorpamento del servizio urbano e suburbano mediante la realizzazione di una nuova rete integrata (che tiene conto dei mutati poli generatori e attrattori di traffico) nella quale le due tipologie di servizio si uniscono e operano sinergicamente ampliando, in questo modo, la copertura territoriale tramite: a) la razionalizzazione e lo sfruttamento delle linee del servizio scolastico e del COTRAL; b) la riduzione delle linee tipo “navetta” attraverso l’inserimento di nuovi capolinea che andranno a costituire nodi di scambio; c) l’ampliamento dell’offerta relativa al servizio studenti e il potenziamento del servizio stagionale turistico (Latina Lido).

Continua a leggere

Un ameno giro di giostra

Il pomeriggio è uggioso mentre ci imbarchiamo sulla linea del G barrato, nella desolazione delle autolinee; meno male che non c’è la nostra amica in carrozzina, non sarebbe potuta salire, non essendo il mezzo provvisto della passerella per i diversamente abili e non essendoci comunque lo spazio dedicato a bordo. La macchinetta obliteratrice non funziona, ma per fortuna nel corso dell’intero tragitto ce ne accorgeremo solo noi: nessun altro passeggero infatti si avventura ad avvicinarvisi, per timore forse che il prezioso titolo di viaggio venga risucchiato dalla dispettosa scatola gialla di metallo. Ma noi pensiamo che sia perché tutti in realtà posseggono già un abbonamento e non hanno dunque bisogno di convalidare il proprio biglietto.
Il percorso è panoramico e in 40 minuti ci permette di assaporare la nostra città da varie angolature: Stazione Autolinee – Via Romagnoli – Via E. Filiberto – Piazza Del Popolo – Via Duca del Mare – Piazzale Prampolini – Via Garigliano – Via del Lido – Via Picasso – V.Le Nervi – Q4 –Q5 – Via del Lido – Via Garigliano – Via Pio VI –- Via Duca del Mare – P.le Prampolini – Viale Vittorio Veneto – Via E. Filiberto – Via Romagnoli – Stazione Autolinee….. questo è quello che c’è scritto su Internet! Invece: arriviamo davanti allo stadio direttamente dalla circonvallazione, forse perché in centro c’è la ztl e non si può passare…..le congetture si moltiplicano, ma intanto si procede traballando, tra continui scossoni. C’è da dire che l’asfalto urbano, tutto rattoppi e buche, non aiuta.
Gli ammortizzatori non sono il forte di questo mezzo, evidentemente; non lo sono neanche le telecamere a circuito chiuso istallate a bordo, sopra la cabina del conducente, che infatti non sono in funzione, né gli estintori, che – a occhio – debbono aver vissuto tempi migliori e ora finiscono di arrugginirsi sotto il pannello anteriore. Chiediamo lumi al bus driver in merito: le sue delucidazioni sui metodi approssimativi di controllo adottati (“arrivano, cambiano l’etichetta agli estintori e se ne vanno!”) non ci confortano affatto. Non ci conforta neanche apprendere che il rallentatore idraulico voith – la leva che regola i tempi di frenata e evita l’effetto aquaplaning in caso di asfalto bagnato, per intenderci – poiché non funzionante…..è stato semplicemente “estirpato”, e al suo posto c’è ora…un buco! In compenso il contakilometri sembra ok, cosa alquanto singolare per questi automezzi, a quanto ci viene detto. Continua a leggere

Legge Quadro sul TPL a prima firma del portavoce Cristian Iannuzzi

È stata depositata alla Camera dei Deputati, ed è in discussione sulla piattaforma del MoVimento 5 Stelle Lex, la proposta di legge quadro sul trasporto pubblico locale, a prima firma Iannuzzi Cristian.

La Legge Quadro sul TPL, targata MoVimento 5 Stelle, si inserisce in un quadro di riforme tese a migliorare la mobilità urbana e quindi la vita dei Cittadini. L’obiettivo di questa proposta di legge è quello di ridurre il numero di auto in circolazione, favorendo lo spostamento di utenti dal trasporto PRIVATO a quello PUBBLICO. Per raggiungere questo obiettivo è necessario realizzare, specie nelle GRANDI AREE URBANE, forme di servizio pubblico in linea con quelle dei principali Paesi Europei. Continua a leggere